L’Ultima Cena di Vedovato all’istituto Fermi

La scuola fagnanese ospiterà l'ultima opera alla quale stava lavorando l'artista morazzonese scomparso recentemente in seguito ad un incidente stradale

Quella che verrà presentata domani, giovedì 5 aprile, all’Istituto Fermi di Fagnano Olona è un sogno che il gruppo degli "Artigiani del Borgo" sono orgogliosi di aver realizzato, velato dalla tristezza della perdita dell’amico che ci ha lavorato a lungo e con tanta passione. L’artigiano Attilio Vedovato ci ha lavorato fino all’ultimo e il lavoro si è concluso sabato 3 marzo, il giorno prima della sua tragica scomparsa, travolto da un auto.

Questa “Ultima Cena” è una sorta di work in progress sostenuto negli ultimi tre anni dal gruppo legnanese di rievocazione storica "Gli Artigiani del Borgo", in particolare da Angelo Favaro, Ennio Minervino e Mauro Gasparini. In bella mostra in tutte le tre edizioni primaverili della Festa al Castello di Legnano, dove gli sguardi ammirati dei visitatori si sono posati sulle figure che andavano prendendo forma di anno in anno su un legno, noce nazionale, carico di centodieci anni, recuperato da una vecchia falegnameria del cuneese. Dopo una prima sgrossatura di Favaro e Gasparini, l’antico legno è passato nelle mani esperte di Attilio Vedovato, che vi si è dedicato con affettuosa laboriosità, come nel suo stile. L’artista carnaghese è infatti conosciuto per le sue sculture lignee che ritraggono un’ampia gamma di soggetti, dai protagonisti della vita del paese alle immagini religiose.

In attesa di una sistemazione definitiva, la tavola troverà anche quest’anno una particolare collocazione all’interno dell’edizione della Festa al Castello di Legnano 2012.  Gli Artigiani del Borgo si impegnano fin d’ora a farla conoscere quanto più possibile, per non dimenticare un’artista e amico la cui sensibilità merita di essere conosciuta anche dai più giovani. Grazie all’amministrazione comunale di Fagnano Olona e all’Istituto Fermi per averci concesso gli spazi per questa prima esposizione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.