La squadra dei “16” conquista Bormio

Un vero successo è stato il week end organizzato dal "Sestero onlus" che ha portato sulle nevi sedici giovani con disabilità. La prima di una lunga serie di vittorie

Il gruppo di BormioAnche il previsto maltempo si è fermato ad ammirare i protagonisti del progetto “Primi 10!” 

Galleria fotografica

Freerider sull'Etna 4 di 16
Organizzato sulla neve di Bormio 2000 dall’Associazione di Promozione Sociale SESTERO onlus, 
con il contributo e il patrocino dell’ASL e della Provincia di Varese, in collaborazione con 
Associazione Freerider Sport Events, AIAS Busto Arsizio, Associazione Medico Sportiva Varesina,  Centro Addestramento Alpino della Polizia di Stato, Agenzia del Turismo Varese e Associazione  Spina Bifida Italia, Associazione del Sorriso Gavirate, il progetto si è rivolto a 10 giovani con disabilità  della provincia di Varese.
Sull’onda dell’esperienza positiva dell’insegnamento dello  sci da seduti portata avanti da Freeriders Sport Events, l’iniziativa ha voluto informare i partecipanti in merito ad ogni altra disciplina praticabile sul territorio provinciale e zone limitrofe. 
Strada facendo, ai “primi10” varesini si sono aggiunti ragazzi milanesi, comaschi, mantovani e 
piacentini trasformando di fatto il progetto iniziale in “Primi 16” e l’allegra carovana in un corposo 
gruppo formato da oltre 80 persone comprendenti gli staff SESTERO e Freerider, gli operatori della 
Polizia di Stato, i professionisti dell’AIAS Busto Arsizio, il Direttore Sociale dell’ASL di Varese 
Lucas Maria Gutierrez, l’Assessore alla Politiche Sociali della Provincia di Varese Christian 
Campiotti.

Per toccare con mano l’attività e lo svolgimento del progetto sono arrivati a Bormio anche il  Dirigente Tecnico dell’Ufficio  Scolastico Regionale Marco Bussetti in compagnia del Dirigente Scolastico dell’ITSOS Albe Steiner di Milano Giacomo Merlo, oltre agli attivi e graditissimi studenti dello stesso ITSOS con il  docente Claudio Visentin, del Liceo Scientifico “Elio Vittorini” di Milano e alcuni giovani del Servizio Volontariato Civile del Comune di Varese. 

E anche stavolta, le carrozzine sono rimaste a guardare… La consegna degli attestati di  partecipazione ha concluso una iniziativa ricca di emozioni e significati.
 
Tra le tante, la disponibilità del Centro Federale di Sci Nautico di Recetto nell’ospitare una sorta di 
open day riservato a persone con  disabilità neuromotoria dedicato all’insegnamento dello sci 
nautico da seduti. Una proposta formulata dal Campione del Mondo di Sci Nautico per non vedenti, 
il gallaratese Daniele Cassioli, anche lui tra i protagonisti sulla neve di Bormio 2000 accompagnato 
dalla guida del Gruppo Verbanese Sciatori, Ciechi Ernesto Castiglioni.  
Dovevano rispondere in 10. Hanno risposto in 16. Potevano essere molti di più. Potranno essere molti di più. Tre giorni insieme per imparare a sciare da seduti e conoscere ogni altra disciplina 
praticabile da paraplegici, tetraplegici, amputati, poliomielitici e affetti da spina bifida. 
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Freerider sull'Etna 4 di 16

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.