Lavoro nero, retata in 8 bar

Controlli a tappeto, controllate licenze, contratti, menù e alimenti

Sabato sera, 28 aprile, i poliziotti della divisione polizia amministrativa
e sociale della questura e ispettori della direzione territoriale del lavoro hanno
effettuato un servizio di controllo congiunto per accertare la regolarità dell’attività
svolta da otto tra ristoranti (italiani ed etnici) e bar di Varese e Malnate.
L’attività ispettiva, che ha visto impegnato il personale dei due enti fino alle prime ore
di domenica 29, ha sostanzialmente permesso di accertare:
la presenza di 11 lavoratori impiegati in nero, tra i quali due cittadini extracomunitari clandestini, che hanno indotto ad adottare provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale nei confronti di due degli esercizi controllati; l’installazione di tre dispositivi di videosorveglianza, in grado di riprendere anche i dipendenti, all’interno di altrettanti locali non preventivamente autorizzati. La mancata esposizione delle licenze comunali, dei menu degli alimenti serviti,
dei cartelli contenenti le prescrizioni di articoli di legge e il mancato rispetto dei requisiti di sorvegliabilità dei locali in quattro degli esercizi controllati, con conseguente contestazione di infrazioni sanzionate con ammende per circa 5.000 euro in totale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.