Marco Airaghi si dimette dal Parlamento

Il deputato varesino rinuncia al posto per continuare a fare il direttore Generale dell'Agenzia Industrie Difesa, e dirigente dell’Agenzia Spaziale Italiana

Tra la carica da deputato e quella al ministero della Difesa, Marco Airaghi ha scelto di rimanere dov’è: rinuncia al posto in Parlamento per continuare a fare il direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, e dirigente dell’Agenzia Spaziale Italiana.
Il politico varesino lo aveva annunciato già a febbraio, quando per un cambio ai vertici della Rai si era liberato in Parlamento il posto ricoperto dal deputato Antonio Verri. Che spettava di diritto a lui.
«Avevo chiesto immediatamente di verificare un’eventuale incompatibilità che poteva esserci tra il mio ruolo alla Difesa e il mandato da parlamentare» spiega Airaghi. Adesso quella risposta è arrivata e la giunta della Camera ha stabilito che i due ruoli sono incompatibili. «Dopo avere a lungo meditato – spiega Airaghi -, ho deciso di continuare a svolgere il mio lavoro per le nostre Forze Armate, che mi hanno accolto come uno di loro, e che oggi devono fare i conti con una situazione congiunturale drammatica a causa dei forti tagli alle spese imposti dalla situazione economica attuale».
Dallo scorso febbraio Airaghi ha ricoperto entrambe le cariche, poi la risposta della giunta parlamentare lo ha posto di fronte alla scelta. “Ritengo – ha spiegato – un mio dovere completare i lavori da me iniziati per la Difesa nel 2008, sia quello di efficientamento dell’apparato industriale, sia quello di organizzazione delle attività satellitari, forte anche della stima e della fiducia dimostratami dai Ministri per i quali ho avuto l’onore di lavorare, l’On. La Russa prima, l’Amm. Di Paola ora”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.