“Mio padre morì investito, dico sì ai controlli sulla velocità”

La riflessione di un lettore che nel 2007 fu toccato in modo drammatico da un incidente avvenuto in via Fermi, una strada a doppia carreggiata dove si corre veloce

Negli ultimi giorni si è creato dibattito intorno alla scelta di installare dei dissuasori/rilevatori di velocità sulle strade a doppia carreggiata, quelle dove si corre di più. Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di una persona che è stata toccata in modo drammatico.

Sono il figlio di una persona anziana che nel novembre del 2007 è stato ucciso mentre andava in bicicletta da Cardano al Campo verso il centro di Gallarate. Vorrei permettermi di esprimere una modestissima considerazione sulle parole del signor Dall’Igna del PDL in merito alla sicurezza stradale e ai nuovi autovelox.
Forse, se si fosse prestata più attenzione alla sicurezza stradale negli anni in cui loro erano al governo cittadino… forse, mio padre sarebbe ancora vivo !
Era mezzogiorno e mio padre andava in bicicletta verso Gallarate quando alla rotonda di Largo degli Alpini, una macchina che sopraggiungeva da via E.Fermi lo travolse, causandogli un trauma cerebrale dal quale non si riprese più. La conducente di quella macchina forse avrebbe potuto evitarlo se fosse stata più attenta ma sta di fatto che quella rotonda in particolare è molto più stretta della sede stadale sicchè le vetture che transitano su via Fermi, quando incrociano via Cappuccini non sono costrette a rallentare.
Ecco, credo che parlare ora di dossi e quant’altro da parte di chi quando stava al governo cittadino non ha fatto niente per la sicurezza dei pedoni e dei ciclisti è quantomeno singolare.
Non so che ruolo aveva il sig. Dall’igna nella precedente amministrazione, forse nessuno, ma di sicuro sono speranzoso che il nuovo sindaco Guenzani prenda molti  provvedimenti a tutela delle persone che non viaggiano solo su quattro ruote.
Gli Autovelox ? ben vengano,  serviranno sicuramente allo scopo anche se non basteranno da soli!

Cordialmente

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.