Nel borgo medioevale un atelier a cielo aperto

Domenica 22 aprile il paesino di Beura Cardezza, nel Verbano Cusio Ossola, ospiterà il lavoro di decine di artisti contemporanei

Arte protagonista di Pane Formaggio e Pietra, la manifestazione che si svolgerà domenica 22 aprile a Beura Cardezza. Il paesino del Verbano Cusio Ossola caratteristico per le sue vecchie case in sasso presenta  il progetto “Beura si Mostra”. Il borgo antico medioevale del paese farà da scenario espositivo di ricerche espressive di artisti contemporanei. L’architettura delle vecchie abitazioni, dei ricoveri degli animali, delle scale e dei sentieri ha come elemento comune la pietra, cavata in loco ed utilizzata per secoli. Oggi il borgo antico è in abbandono, ma la sua storia si avverte con una forte carica di energia che passa dalle rocce a picco sul torrente Ogliana ai giardini inselvatichiti delle case vuote.
È un ambiente povero, essenziale, carico di passato, un luogo perfetto per accogliere le più diverse espressioni d’arte, in un dialogo affascinante e innovativo.

“Beura si Mostra” si articola in diverse sezioni. Artisti figurativi come Renzo Foglietta, profondamente centrato a leggere ed interpretare il territorio dell’Ossola o come Alberto Stampanoni, architetto, che descrive l’intimità di interni familiari. Nei quadri di Yoshi Nagasaka, fortemente grafici, ritroviamo i fiori, i paesaggi del lago Maggiore e alcuni ritratti. Paolo Giacomello raffigura il lavoro dello scalpellino, del fabbro, del pescatore.
Nell’ambito della ricerca contemporanea, sono presenti artisti che percorrono differenti vie, sperimentando i più svariati linguaggi, come la scultrice Luisa Elia che, alla pratica ancestrale di manipolazione della materia, fa seguire quella altrettanto intensa dell’aggregazione spaziale o come Fausto Pagliano, che nei suoi lavori esprime una forte concettualità legata alla manualità.
Una sezione fotografica presenta i luoghi carichi di magia della antica Beura, vista con gli occhi della fotografa e paesaggista Costanza Rampello. Infine, un lavoro documentativo legato agli abitanti di questo paese, i ritratti, espressioni rubate dalle istantanee della fotografa e architetto Francesca De Filippi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.