Nuovo orto scolastico alla scuola elementari Rodari

Cresce il progetto degli orti scolastici. Il consigliere comunale Pozzi: “Un percorso per ridare ai bambini il senso millenario del rapporto tra l’uomo e la terra”

In questo periodo dell’anno c’è sempre stata grande frenesia per la preparazione degli orti e dei giardini, per le seminagioni ed i trapianti di ortaggi e fiori. È la stessa emozione che stanno vivendo i bambini delle classi 3° della Scuola primaria Gianni Rodari che affrontano per la prima volta l’esperienza del  proprio orto-giardino scolastico, impianto che segue quello già attivato l’anno scorso alla S. G. Bosco.

«Quella dell’orto – spiega il consigliere comunale Giorgio Pozzi, tra i promotori dell’iniziativa – è chiaramente una tappa, pur importante, di un percorso educativo virtuoso che le Insegnanti hanno attivato per ridare ai “nuovi” bambini il senso millenario del rapporto tra l’uomo e la terra: la vita (il seme), il nutrimento (la madre terra), la crescita (le sue esigenze e le difficoltà), la cura dell’ambiente di vita (il clima, l’acqua, le interferenze varie), l’identità biologica e le differenze fra specie (la biodiversità), i fiori ed i frutti che diventano cibo e salute (il senso dell’essere). Cioè il ciclo della vita».

 

«Questa attività promossa per la prima volta nello scorso anno scolastico sta vivendo un interesse crescente in città e sta affinando le sue metodologie per diventare un modello-sistema: 2010-11, G. Bosco, 2011-12, G. Rodari e domani l’Istituto omnicomprensivo L. da Vinci – prosegue Pozzi -. L’  “orto-giardino”, quello della Rodari in particolare, è una realizzazione che ha dato alla Scuola, ed a chi ha lavorato al progetto, l’opportunità di essere un importante attore del territorio, un riferimento per collegare persone, enti, istituzioni utili agli obiettivi educativi ed operativi».

Così il Parco Lura ha fornito pali abbandonati, la Coop. AEquos ed il Sandalo equosolidale bancali in legno per lo IAL, Corso di falegnameria, che sta realizzando la staccionata di “scarto”, gli orticultori degli orti comunali attivati dall’Ufficio Verde del Comune hanno messo a disposizione le proprie competenze, un ex-genitore agricoltore ha arato il terreno con il trattore (ed i bambini ad osservare esterefatti), le Acacie–Lattuada hanno fornito terra “viva” e tanti genitori stanno dando il loro tempo, le proprie braccia, semi, libri….ed entusiasmo.

 

Sono state attivate anche relazioni con la Scuola agraria di Minoprio, con quella del Parco di Monza e con i corsi professionali per orticultori dell’Enaip di Busto Arsizio. Dalla nuova convenzione per la ristorazione scolastica sono arrivati gli attrezzi da lavoro e dalle…buone relazioni con l’insegnante trentina Nadia Nicoletti, ed il sostegno dei Presidi degli Istituti Ignoto Militi ed Aldo Moro, è maturata l’organizzazione dell’incontro ”Orto-giardino a scuola. Come grandi e piccoli possono <imparare facendo> con l’ attività creativa e salubre della coltivazione di un orto o di un giardino”.

L’iniziativa è programmata per Lunedì 16 Aprile ore 20.30 presso la Scuola Rodari ed è aperta a tutti. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.