Per Alexandra, una mozione urgente del Consiglio Regionale

Chiede di inserire nelle leggi regionali apposite "la possibilità di intervenire con provvedimenti straordinari" e "prevedere una congrua parte dello stanziamento disponibile per il 2012 a ristoro dei danni subiti dalla signora"

alexandra bacchetta al 23esimo giorno di scioperoMentre continua il presidio davanti alla Prefettura di Varese per Alexandra Bacchetta, l’imprenditrice ormai al 23esimo giorno di sciopero della fame per ttenere i fondi promessi per i danni subiti dal suo albergo per l’alluvione del 2009, le istituzioni hanno cominciato a muoversi.

Galleria fotografica

Alexandra Bacchetta, giorno per giorno 4 di 10

Nella seduta di martedì 17 aprile verrà discussa una mozione urgente del Consiglio Regionale che impegna la presidenza della Regione Lombardia e alla sua Giunta a "inserire all’interno delle linee di indirizzo della legge collegata la possibilità di intervenire con provvedimenti straordinari di solidarietà in caso di grave allarme sociale e di profili conclamati di natura umanitaria" e "prevedere una congrua parte dello stanziamento disponibile per il 2012 a ristoro dei danni subiti dalla signora Bacchetta". 
La mozione, bipartisan, è firmata da tutti i consiglieri regionali varesini: Ruffinelli, Puricelli, Cattaneo, Azzi, Longoni, Tosi e Alfieri.

L’originale della mozione
Tutti gli articoli su Alexandra Bacchetta

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Alexandra Bacchetta, giorno per giorno 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.