Previdenza complementare, in duecento al seminario dell’Insubria

Obiettivo dell'incontro promuovere la cultura previdenziale presentando, al personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo e ai docenti, il sistema pensionistico vigente in Italia

Sono stati più di duecento i partecipanti all’incontro "Previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere" che si è svolto questa mattina nell”Aula Magna di via Ravasi a Varese, e al Chiostro di S. Abbondio a Como. L’iniziativa è stata organizzata dall’Università degli Studi dell’Insubria e Inps Gestione ex Inpdap di Varese. L’obiettivo dell’incontro era quello di promuovere la cultura previdenziale presentando, al personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo e ai docenti, il sistema pensionistico vigente in Italia, con particolare riferimento alla previdenza complementare.
A margine del convegno è stato presentato il Master di primo livello in “Sicurezza del Lavoro (Si.L.A.)”, proposto dalla Facoltà di Scienze Varese e finanziato dall’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, nell’ambito del programma “Master INPDAP Certificated”.

Hanno partecipato all’evento: il direttore Amministrativo dell’Università dell’Insubria, dottor Marino Balzani, il dirigente generale della Direzione Regionale Lombardia dell’Inps Gestione ex Inpdap, dottor Maurizio Emanuele Pizzicaroli, la dottoressa Catia Pace, dirigente sede Inps Gestione ex Inpdap di Varese, il professor Fabio Conti, direttore Master Sila, Università dell’Insubria. Gli interventi tecnici sono stati affidati ai funzionari dell’Inps Gestione ex Inpdap: Giuseppe Calderazzo; Maria Luisa Tacconi; Manuela Nencioni; Bernardo Filippello e Silvia Leonardi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.