Quando spezza il pressing, Varese vola

La partita svolta definitivamente su una tripla di Diawara: da lì in avanti anche la stretta difesa sarda viene trafitta dagli assist biancorossi

LA CHIAVE – Il momento più importante della partita, dopo lo showtime biancorosso e la rimonta sarda, è quello in cui Varese fa argine e riesce a evitare di andare sotto nel punteggio. E Recalcati spiega perché ciò non avviene: fino a quel punto Stipcevic e compagni avevano pensato più a sfuggire alle trappole del pressing che non ad attaccare il canestro. Una volta scacciata questa “scimmia” i biancorosso sono tornati concreti dopo tanti palloni malgestiti e il punteggio si è rimesso a salire.

LA STATISTICA – Se il numero 19 è una sorta di spauracchio per Varese (tanti i punti subiti da Sassari consecutivamente) come anche il 61 cui i biancorossi si erano disgraziatamente ancorati, lo stesso 19 è cifra felice perché rappresenta gli assist distribuiti dalla squadra di Recalcati. E se i 7 del secondo quarto hanno significato il grande break, gli 8 arrivati dopo l’intervallo hanno comunque contribuito a spezzare l’arrembaggio sassarese.

L’AZIONE – C’è un momento ben definito in cui Varese ha capito di poter vincere la partita. Quando cioé, dopo 4 punti di Easley che avevano riportato il Banco a -3, Kuba Diawara (foto) è tornato a mettere punti sul tabellone per la Cimberio. Il francese lo ha fatto nel modo più dolce (per i suoi) e perfido (per gli altri): infilando una tripla non proprio “in ritmo” allo scadere dei 24”. Canestri del genere sono ganci al mento che intontirebbero anche il pugile più saldo.

MVP – Non è solo il dato di valutazione (ben 25) che ci fa propendere per il premio a JANAR TALTS. Senza Garri e con un Fajardo in debito d’ossigeno il pivot estone fa tante cose e tutte positive. Dagli 8 rimbalzi ai 13 punti con ben 5 schiacciate che non sono sintomo di giocata facile ma di presenza al posto e al momento giusto. E poi non va mai fuori giri come era accaduto in altre occasioni.

PAGELLIAMO – Goss 7 (Impatto positivo: è già uomo squadra. Avanti così). Stipcevic 6,5 (Prima bombarda, poi comanda il gioco. Anche se sul pressing…); Rannikko 6 (Sufficiente, ma con qualche amnesia di troppo); Talts 7,5 (Killer silenzioso di Sassari); Diawara 7 (Inizia male, poi fa saltare il Banco nella ripresa); Reati 6 (Minuti di utilità); Kangur 7 (Soprattutto per il primo tempo. Poi fa muro nella rimonta); Ganeto 5 (Stavolta non si vede); Fajardo 5 (Finisce sulle ginocchia).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.