Renzo Bossi è il più fischiato

Per il trota sono fischi e insulti. I militanti sono inferociti e nemmeno Maroni riesce a placarli

Il più fischiato, nella sera dell’orgoglio leghista a Bergamo è un Bossi, Renzo Bossi. Quando viene nominato dal palco viene giù il finimondo. E’ un boato negativo e prolungato. Il movimento è chiaro nel suo verdetto. Renzo Bossi è davvero per tutti il simbolo degli errori di questa Lega che ha preso una deriva nepotista.

Persino Roberto Maroni si becca i fischi quando dice che il gesto delle dimissioni di Renzo è stato molto apprezzato. Ma da chi? I militanti non ci stanno: urlano insulti, strepitano. Nemmeno Rosi Mauro solleva tanto astio, e Maroni rincara dicendo che la Mauro non si è voluta dimettere ma prima o poi la Lega la farà fuori. Contro di lei l’ex ministro è duro, ma i membri della famiglia Bossi non si toccano, nemmeno se la base non li sopporta più. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.