Sabba: “Sento rumore di chi tenta di arrampicarsi sugli specchi”

Uno dei promotori del comitato che si oppone alla realizzazione dell'impianto di trattamento rifiuti proposto da Elcon espone le sue considerazioni in merito ai protagonisti della vicenda

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa di Matteo Sabba, componente del comitato Valle Olona Respira, in merito alla vicenda Elcon

Sento da lontano un rumore, proveniente da 3 direzioni: dal Comune di Castellanza, da Haifa e quindi dalla Elcon e da Magnago e quindi dalla BP SEC. E’ un suono riconoscibile, stridente: è il chiaro rumore fastidioso di chi tenta di arrampicarsi sugli specchi! Le 3 persone accomunate da ciò stanno però su fronti diversi e cercano trategie alla rinfusa. Partiamo dalla parte imprenditoriale: 

– Zvi Elgat (Elcon) e il dottore Daniele Barbone (BP SEC) proprio ieri hanno tentato di spaventare il comitato minacciando querele contro il sottoscritto, come amministratore del gruppo del comitato su facebook, e contro altre persone che avevano commentato degli articoli nominando la BP SEC legata ad industrie che inquinano (questo è un dato di fatto a prescindere da quanto inquina) e altre banalità.

-Fabrizio Farisoglio, sindaco di Castellanza, che ieri ha fatto un po’ di dichiarazioni, a mio modo di vedere, fuori fase: una contro il Sindaco di Olgiate Olona, che in questa occasione ha veramente dimostrato per due volte di considerare importante l’opinione degli Olgiatesi (la prima quando mesi
fa respinse l’idea della possibilità di una Elcon a Olgiate e l’altra in questi giorni, vista la sua posizione ferma a salvaguardia della salute pubblica). Altra uscita sfasata quella su Lattuada, contro il quale non avendo argomenti deve abbassare il livello della discussione, facendo finta di non capire il paragone ceh il consigliere di Busto ha fatto, cioè ACCAM inceneritore di proprietà dei comuni e quindi dei cittadini, brucia circa 400 tonnellate di rifiuti solidi urbani prodotti dalle nostre case, l’eventuale ELCON
(società privata e straniera che porterà guadagni non ai cittadini, ma ai proprietare) ne vuole smaltire 500 tonnellate di rifiuti chimici!!!

Oggi, mercoledì, 18 aprile è apparsa una nuova dichiarazione del Sindaco degna delle precedenti: attacca l’interrogazione presentata in regione che ha come estensori Azzi e Puricelli (contattati da me), i quali però non sono i soli firmatari tra gli altri si notano (dal sito della regione) Pizzul, Ruffinelli, Colla, Alfieri,… e comunque tutti i consiglieri regionali eletti nel nostro territorio…ah no è vero…manca il castellanzese Giangiacomo Longoni.

Farisoglio afferma che quell’interrogazione è fatta da chi "vuole mettere in scena un mediocre spettacolino"…. io (e credo molti cittadini) rimango allibito da questi comportamenti: tutti i consiglieri regionali legati al territorio, che hanno firmato quell’interrogazione, non hanno bisogno di ricevere insegnamenti sul ruolo dell’ARPA e dal testo si intendeva chiaramente che lo scopo era quello di accendere un riflettore su una zona che secondo le voci della Elcon e della commisione che è stata fatta proprio nel comune di Castellanza, potrebbe essere al centro di un intervento piuttosto invasivo. Ricordo che quella zona è stata martirizzata negli anni passati e che oggi potrebbe riprendere una strada virtuosa e non dannosa nei confronti dei cittadini.

Signor Sindaco dott. Farisoglio cambi strategia e dica no da subito a quell’impianto, sbagliare (anche i giudizi) è umano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.