Salvatore Borsellino a Comunità Giovanile

Il fratello del magistrato simbolo, insieme a Falcone, della lotta alla mafia sarà nella sede di vicolo carpi giovedì sera per parlare di legalità e di lotta al potere mafioso

Comunità Giovanile organizza un incontro-dibattito con Salvatore Borsellino, fratello di Paolo magistrato simbolo della lotta alla mafia e da questa ucciso nel terribile attentato di via D’Amelio il 19 luglio del ’92. L’incontro si terrà  presso la sede di vicolo Carpi 5 a Busto Arsizio dalle ore 21 di giovedì 5 aprile.

L’incontro nasce nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione che Comunità Giovanile sta sviluppando per promuovere lo sviluppo culturale, informando e sensibilizzando gli studenti sul tema della mafia e sulla legalità, studiando le figure dei giudici Falcone e Borsellino e altre tematiche legate alla lotta alla mafia.

“Palermo non mi piace, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare”. Questa frase di Paolo ripresa dal fratello può essere considerata il centro del suo messaggio. Dopo la Strage di via d’Amelio nel 1992, Salvatore Borsellino si è dedicato attivamente alla sensibilizzazione riguardo al contrasto alla criminalità organizzata, il malgoverno e le collusioni tra politica e mafia.

Questo progetto non si propone di “insegnare” la legalità (che non può essere “insegnata”), ma di sensibilizzare gli alunni su quei valori, quegli ideali di cui la legalità si nutre, che della legalità sono il supporto e il fondamento. In relazione a tutto ciò, l’incontro con Borsellino costituisce un’opportunità di profondo arricchimento per alunni, docenti e genitori, in un cammino di riflessione, di crescita, di maturazione umana e civile che, anche in futuro, Comunità Giovanile “continuerà a promuovere, stimolare, accompagnare”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.