Ultimi giorni per visitare la mostra di Letizia Battaglia

Le foto shock sugli omicidi di mafia nella Palermo degli anni '70-'80 realizzate dalla reporter palermitana saranno ancora in mostra sabato, domenica e martedì al centro Stoà

Ultimi tre giorni di apertura della mostra di Letizia Battaglia, "Se la guerra è civile", presso le sale espositive del Centro Giovanile Stoà. Nei primi giorni di apertura la mostra è stata visitata e apprezzata da centinaia di persone, che sono rimaste affascinate e toccate profondamente dalle fotografie della reporter palermitana, presente lo scorso sabato all’inaugurazione.

Letizia Battaglia è nata a Palermo nel 1935. Inizia la sua carriera da giornalista nel 1969 lavorando per la testata palermitana “L’Ora”. Nel 1974, comincia a lavorare come fotoreporter, fondando, nel 1977 con Franco Zecchin, l’agenzia “Informazione Fotografica”. Letizia è stata la prima donna europea a ricevere nel 1985, ex aequo con l’americana Donna Ferrato, il Premio “Eugene Smith”, a New York, riconoscimento internazionale istituito per ricordare il fotografo di Life.Un altro premio, il “Mother Johnson Achievement for Life”, le è stato tributato nel 1999.

L’esposizione delle opere di Letizia Battaglia rientra nel cartellone “21052 Contro le mafie – Aspettando Legalitàlia”, e si offre al pubblico come occasione per conoscere un’artista di raro carisma e per apprezzare, attraverso una testimonianza autentica, la forza di chi, da anni, cerca di denunciare la brutalità e l’atrocità della mafia.

Ancora per tre giorni sarà possibile conoscere Letizia Battaglia attraverso le sue fotografie: sabato 28, domenica 29 aprile e martedì 1° maggio, dalle ore 17.00 alle ore 19.00, presso il Centro Giovanile Stoà, in Via Gaeta 10 a Busto Arsizio. L’ingresso è libero.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.