Vittoria sofferta ma il Varese è da playoff

Cittadella- Varese 0-1. La squadra di Maran vince di misura contro un avversario ostico e sale a 59 punti in classifica. Decisivo il gol di De Luca al 11' del primo tempo. Si rivede in campo Corti. Il grande caldo (26 gradi) ha condizionato la gara

Nel profondo Nord Est il calcio è una cosa seria. A Cittadella il viale dello Sport non è solo il nome di una strada, ma un vero concentrato di impianti, campi, attrezzature che fanno onore all’unica cosa importante in qualsiasi disciplina sportiva: la partecipazione.
Il miracolo in questa città di 22 mila abitanti lo si deve a “san” Gabrielli, imprenditore del settore siderurgico, con il pallino dello sport. E la sua squadra è l’immagine della sua perseveranza: ben messa in campo e gran lavoratrice. Nonostante la sconfitta contro il Varese, il Cittadella ha giocato 90 minuti senza rinunce, con tre punte e un piglio che merita i 44 punti in classifica e una salvezza ormai conquistata. Il Varese ha fatto quello che doveva fare, cioè vincere. Dopo la batosta casalinga contro il Grosseto non poteva fallire questa trasferta perché i tre punti erano vitali per rimanere incollati al Padova (al quinto posto con 60 punti) e tenere a bada il ritorno di Sampdoria e Brescia per il sesto posto.

Galleria fotografica

Cittadella-Varese 4 di 15

COLPO D’OCCHIO – Sullo stadio "Tombolato" di Cittadella picchia un sole estivo: 26 gradi, una leggera brezza e un campo in condizioni pressoché perfette per un pubblico  apparentemente “latitante”: 2000 presenti, quasi il 10% degli abitanti, se fosse così anche a Varese, facendo le debite proporzioni, ci sarebbero 9.000 spettatori a partita.

CALCIO D’INIZIO – Claudio Foscarini schiera un 4-3-3 con il tridente Job, Di Nardo e Di Roberto, supportati a centrocampo da Vitofrancesco, Schiavon e Paolucci. Rolando Maran schiera dal primo minuto Damonte a centrocampo, Cacciatore al posto di Grillo infortunato e Pucino a destra con De Luca in attacco a fare da spalla al diablo Granoche.

IL PRIMO TEMPO – Il Varese ha un tandem di qualità a centrocampo difficile da fermare, se non con le maniere forti. Kurtic ispira Zecchin che distribuisce palloni intelligenti in profondità per De Luca e Granoche. Il Cittadella prova a sfondare con insistenza sulla destra con il guizzante Di Nardo e le sgroppate di Ciancio, capace di addomesticare la palla con una confidenza inusuale per un difensore. Il gol del Varese (foto in alto) è un regalo di capitan Gorini che su un lancio rasoterra di Granoche (il diablo aveva recuperato palla in difesa), manca completamente la palla liberando De Luca di fronte a Cordaz.
Il Cittadella è squadra tosta, non accusa il colpo e prova a giocare in profondità per sfruttare la velocità di Di Nardo che è l’unico ad impensierire la retroguardia biancorossa di testa e di piede (Allo scadere di tempo gli verrà annullato un gol per fuorigioco). Alla mezzora capolavoro difensivo di Terlizzi che ferma Di Roberto lanciato a rete con un tackle scivolato perfetto, intervento che ripete in fotocopia subito dopo. Il Cittadella costruisce, ma una volta in area si perde; il Varese gioca con un cliché: palla a Kurtic che allarga per Zecchin e Nadarevic che a loro volta cercano la profondità di Granoche e De Luca.

LA RIPRESAGorini lascia il posto a Busellato. Speriamo, per l’ex capitano del Varese, che la colpa, seppur grave, sul gol di De Luca, non abbia determinato la sua sostituzione. Foscarini mette dentro anche Di Carmine nel tentativo di recuperare lo svantaggio, ma è il Varese che impone il suo gioco martellante sulle fasce. Nel Cittadella è sempre Di Nardo a cercare il pareggio, ma Terlizzi e Troest formano un muro invalicabile. Al Tombolato c’è il rientro di Corti, assente da oltre due mesi dai campi di gioco, il suo è un ritorno importante in vista della volata playoff.
Alla mezzora il Varese ha un passaggio a vuoto e il Cittadella si fa pericoloso prima con Ciancio e poi con Di Roberto che testano la tranquillità di Bressan. Nel Varese si rivede anche Rivas che entra al posto di Nadarevic e Plasmati al posto di De Luca, ma è il Cittadella a far sussultare i suoi tifosi allo scadere di tempo con Bellazzini che dalla destra lascia partire un cross rasoterra che attraversa tutta l’area del Varese per poi giungere sui piedi di Schiavon, l’attaccante calcia un sinistro ad incrociare fuori di poco. L’arbitro concede 6 interminabili minuti di recupero che non cambiano il risultato finale: Cittadella -Varese 0-1.

IL TABELLINO

LE PAGELLE

Facebook – Diventa amico di Sport VareseNews
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 aprile 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Cittadella-Varese 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.