Addestrava cani da caccia nel Parco Pineta, multato

Il responsabile ha patteggiato di fronte al giudice, mentre le Guardie del Parco hanno anche sorpreso un motociclista tra i confini dell’area protetta

Nell’aprile del 2011 gli agenti del Parco del Pineta di Appiano Gentile e Tradate hanno sorpreso un cacciatore intento ad addestrare ed allenare 3 segugi all’interno dei confini del Parco Naturale; il trasgressore, multato e denunciato alle autorità competenti, ha patteggiato nei giorni scorsi davanti al giudice del Tribunale di Como.

A sorprendere il trasgressore erano stati gli agenti del Parco: l’uomo intento nell’addestramento di tre cani da caccia, di razza Segugio italiano, nel territorio del Comune di Carbonate. Pur addestrando cani di età inferiore a 15 mesi, al cacciatore è stato elevato un verbale amministrativo ed inoltre, essendo l’area inclusa all’interno dei confini del Parco Naturale, è seguita la segnalazione alla competente autorità giudiziaria. Nei giorni scorsi, presso il Tribunale di Como, si è svolto il processo nei riguardi del trasgressore, in occasione del quale lo stesso ha patteggiato la pena con un’ammenda.

 

Non è questa l’unica attività dannosa che alcuni soggetti svolgono illegalmente nell’Area Protetta; negli ultimi giorni, le guardie del Parco, hanno verbalizzato un abitante a Beregazzo con Figliaro, che, a bordo di un motociclo, transitava all’interno dei boschi in comune di Castelnuovo Bozzente. Il transito con moto o motocicli su qualsiasi strada forestale e campestre dell’Area Protetta è infatti non consentito. In occasione della stagione estiva, il servizio di vigilanza sarà rafforzato proprio per scongiurare tali infrazioni.

«Purtroppo non basta divulgare l’importanza ed il valore dell’ambiente naturale, e laddove non trovano terreno fertile le azioni di sensibilizzazione, deve necessariamente arrivare l’azione di vigilanza e sanzione – dichiara Mario Clerici, Presidente del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate –. Grazie alla costanza e dedizione delle GuardiaParco e delle Guardie Ecologiche Volontarie, il servizio di vigilanza del Parco Pineta rappresenta una forza indispensabile e utile alla collettività».  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.