Bruce Springsteen ricorda le vittime di Utoya

Il cantautore rock ha commemorato i giovanissimi uccisi un anno fa esatto da Anders Breivik: il momento più toccante quando ha suonato l'inno pacifista "We shall overcome"

Bruce Springsteen ha commemorato con un concerto a Oslo le vittime della strage di Utoya e della bomba a Oslo di un anno fa. I ragazzi uccisi a Utoya facevano parte della gioventù del Partito laburista e furono colpiti proprio come simbolo della società aperta norvegese. Springsteen ha cantato anche "We shall overcome" di Pete Seeger, inno pacifista e dei lavoratori molto noto non solo negli Usa. Una scelta non casuale: l’attentatore di estrema destra Anders Breivik ha dichiarato di odiare a morte “Bambini dell’arcobaleno” (“Barn av regnbuen”), un adattamento in norvegese della canzone “Rainbow Race” di Pete Seeger del 1973. Nell’aprile scorso la stessa canzone per ragazzi era stata cantata da migliaia di persone in piazza, come risposta alla fredda follia omicida e ai proclami xenofobi di Breivik

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 luglio 2012
Leggi i commenti

Video

Bruce Springsteen ricorda le vittime di Utoya 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.