Cinema e video, il Lombardia un quinto delle imprese italiane

A Milano, Bergamo e Brescia la maggiore concentrazione

cinema foto Sono 1.549 le imprese attive in Lombardia nel settore cinema e video e pesano quasi un quinto (18,8%) su tutte le imprese del comparto presenti in Italia. Sono soprattutto imprese del settore produzione cinematografica, video e televisiva (1.285 imprese), vengono poi le attività di proiezione (264 imprese).
Milano da sola, con oltre 1.000 imprese, pesa il 12,2% nazionale e il 64,9% regionale.
Per numero totale di imprese seguono Bergamo (106 imprese e 6,8% lombardo) e Brescia (98 imprese e il 6,3% regionale).
Il concorso della Camera di commercio di Milano. E il “coraggio imprenditoriale” è il tema del concorso indetto dalla Camera di Commercio di Milano, con la consulenza artistica di Associazione Marco Bellocchio (regista: Leone d’Oro alla carriera 2011) e il patrocinio di Comune di Milano, Triennale di Milano, ANICA e Lombardia Film Commission. Il concorso è rivolto ai giovani anche lombardi, che però vivono o studiano a Milano e provincia, di età non superiore ai 35 anni. I partecipanti dovranno stendere un racconto ambientato nell’area milanese, scritto in lingua italiana, che non dovrà superare i 1500 caratteri, spazi inclusi. Il premio del vincitore, giudicato da una giuria di esperti, consisterà nel vedere realizzato il proprio racconto da un regista milanese emergente in forma di cortometraggio. Il corto sarà proiettato alla Triennale di Milano e successivamente promosso all’interno di vari Festival cinematografici. Le migliori storie saranno inoltre pubblicate in una raccolta dedicata. Per partecipare è necessario presentare il proprio racconto entro e non oltre il 28 settembre 2012 compilando il form di iscrizione presente sul sito web della Camera di Commercio di Milano

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.