Due milioni di euro per il piano forestale

La Giunta della Provincia di Varese ha approvato il bando 2012. Nel documento vengono stabiliti i criteri e le modalità per il finanziamento di progetti

La Giunta della Provincia di Varese ha approvato il Bando Forestale Provinciale 2012. Nel documento vengono stabiliti i criteri e le modalità per il finanziamento di proposte progettuali inerenti il miglioramento e la valorizzazione dei boschi nonché il contrasto al dissesto idrogeologico. Le risorse messe disposizione sono complessivamente pari a due milioni di euro, di cui 500.000 destinati alla creazione di nuovi boschi. Tali fondi derivano dalle “monetizzazioni forestali” ovvero dal valore economico versato da coloro che in precedenza hanno effettuato una trasformazione del bosco, eliminandolo.
«Ottima opportunità per gli enti pubblici di investimento e ripristino territoriale – ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Varese Bruno Specchiarelli -.  Nonostante i tempi particolarmente complessi sotto il profilo economico, stiamo parlando di risorse importante e l’auspicio è che gli enti pubblici sappiano, non solo sfruttare l’occasione che offriamo, ma soprattutto mettere in campo progetti lungimiranti di ripristino e salvaguardia del nostro territorio».

La partecipazione al bando è riservata agli enti pubblici con territorio di competenza ricadente almeno in parte in provincia di Varese
. Tali soggetti potranno presentare le domande di partecipazione, corredate della documentazione necessaria, dal primo giorno successivo alla prossima pubblicazione del bando all’albo pretorio on line della Provincia di Varese. Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è stato fissato per il 5 ottobre 2012.
Sarà possibile dunque richiedere il finanziamento in riferimento a sette azioni. La prima di queste, avente priorità rispetto alle altre, è riservata a progetti riguardanti sistemazioni idraulico-forestali per la regimazione delle acque, il consolidamento dei versanti in frana e la prevenzione del dissesto idrogeologico. Altre quattro azioni riguardano il miglioramento delle funzioni ecologiche, protettive e ricreative svolte dai boschi a beneficio della collettività: gli interventi previsti consistono in tagli per garantire migliori condizioni di crescita al bosco e, a seconda dell’azione in questione, l’eliminazione delle specie esotiche a carattere infestante, delle piante danneggiate da avversità di vario tipo (di origine animale, fungina e meteorica), e/o il reimpianto con giovani plantule. Le ultime due azioni infine sono dedicate a progetti per la creazione di nuovi boschi; in particolare con l’azione 2.A è prevista anche la possibilità di ottenere un finanziamento (riferito al valore agricolo medio, stabilito dalla commissione provinciale espropri) per l’acquisto del terreno in cui verrà effettuato l’imboschimento.
A conclusione del periodo di raccolta delle proposte progettuali, la Provincia di Varese procederà alla valutazione dei progetti pervenuti stilando una graduatoria secondo un punteggio di priorità che tiene conto della localizzazione del progetto rispetto alla Rete Ecologica Provinciale, alle aree protette, alla cartografia del Piano  di Indirizzo Forestale e ai Comuni interessati dai lavori per la realizzazione della strada denominata “pedemontana”. Inoltre priorità sarà data ai progetti per i quali l’ente beneficiario si impegna ad effettuare i lavori mediante l’affidamento ad aziende agricole locali. Entro la fine del 2012 verrà pubblicata la graduatoria definitiva degli enti beneficiari del finanziamento affinché i lavori possano essere svolti, una volta approvati i relativi progetti definitivi, nel corso dell’anno prossimo.
Il Bando Forestale Provinciale 2012 rappresenta dunque il completamento di un percorso attuato dalla Provincia di Varese perché il valore del proprio patrimonio boschivo rimanga sul territorio e le trasformazioni che potranno riguardare una parte di questo diventino, mediante il coinvolgimento di enti e aziende agricole locali, un’opportunità di miglioramento e valorizzazione dell’esistente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.