Frangilli, è oro!

Un centro pieno del gallaratese regala l'oro agli azzurri nel tiro con l'arco, il primo della spedizione italiana a Londra. Per Michele terza, fantastica, medaglia olimpica

Un centro pieno, un "10", di Michele Frangilli regala l’oro agli azzurri nel tiro con l’arco. La finale con gli Stati Uniti chiusa 219 a 218 è stata decisa proprio dal gallaratese con l’ultima freccia.
Se avesse infatti conquistato 9 punti la gara sarebbe andata allo spareggio ma Frangilli con incredibile freddezza ha centrato il bersagio pieno regalando il primo oro di questi giochi all’Italia.
Grande soddisfazione per l’atleta di Gallarate che riscatta un’ultima parte di carriera non sempre brillante: quattro anni fa a Pechino Michele non era stato convocato; ora ha ritrovato la maglia della nazionale e l’ha onorata nel miglior modo possibile. Con lui ci sono Marco Galiazzo e Mauro Nespoli, altri due grandi esponenti dell’arco tricolore che va ininterrottamente sul podio dal 1996.
Con questo risultato l’arciere varesino completa una straordinaria tripletta: ora nei suoi cassetti (ha rinviato l’allestimento di una vera bachecha a dopo il ritiro…) Frangilli – tesserato per l’Aeronautica e per la Compagnia Arcieri Monica – ha ben tre medaglie olimpiche. L’oro di Londra si aggiunge all’argento individuale del 2000 a Sydney e al bronzo a squadre del 1996 ad Atltanta. [Nella foto sotto il podio: gli azzurri (da sin.) sono Frangilli, Galiazzo e Nespoli]

LA GARA – Gli azzurri sono entrati al sesto posto del tabellone olimpico dopo le qualificazioni di giovedì, discrete ma non trascendentali. Frangilli e compagni hanno esordito con una vittoria netta su Taipei (216-206) qualificandosi così ai quarti di finale con la Cina. Gara molto equilibrata: Italia avanti di un soffio, poi pareggio e sorpasso asiatico ma sempre con margini limitati. Nel finale la squadra del ct Vella ha mantenuto la freddezza chiudendo 220-216.
La semifinale è stata disputata contro il Messico mentre dall’altra parte del tabellone gli Usa hanno compiuto un miracolo eliminando la favoritissima Corea del Sud. Anche in questo caso l’Italia ha trovato le frecce vincenti alla fine: il 217-215 non racconta del +5 messicano nella prima metà di gara che rischiava di far saltare il banco.
Poi la finalissima contro gli Usa in cui l’Italia ha guadagnato un vantaggio minimo sul doppio 10 di Galiazzo ma ha rischiato di esaurire il margine proprio con le ultime frecce. E così la chiusura è toccata a Frangilli, il più esperto tra gli azzurri: con l’8 avrebbe perso, con il 9 pareggiato, con il 10 vinto. E il centro pieno ha completato il capolavoro. 

La schedaMichele Frangilli

L’intervista di VareseNews alla vigilia dei Giochi

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.