Giovane Italia al fianco di Assad contro il fondamentalismo islamico

Nota del gruppo della Valceresio del movimento di destra che ricalca la posizione espressa dall'assessore di Varese Stefano Clerici: con Assad per difendere i cristiani

Non solo l’assessore di Varese Stefano Clerici. C’è un movimento nella destra nostrana che sostiene il presidente siriano Assad. È di oggi il comunicato di Giovane Italia della Valceresio (movimento che si inserisce nella galassia del Pdl) rivolto ai politici di centrodestra e centrosinistra, che recita testualmente: «Crediamo sia ipocrita piangere di fronte alla sorte dei Cristiani perseguitati nel mondo e allo stesso tempo chiedere che l’ONU intervenga per risolvere la crisi in Siria; magari con un attacco militare che porterebbe ad una guerra di intensità pari forse a quella in Iraq. Se Assad lascia, la sorte dei Cristiani di Siria è segnata. Come già accaduto in Iraq e Libia. Con Saddam, la Comunità Cristiana Irachena era tutelata; con Gheddafi i Cristiani erano liberi di professare il proprio Culto. Questo accade anche in Siria (la Terra dove San Paolo ha avuto la conversione). Se continuate a chiedere la morte o l’esilio di questi "tiranni", allora non piangete per i Cristiani perseguitati e ammazzati dagli estremisti Islamici e dai Jiadhisti. La caduta di Assad porterebbe un altro Paese sull’orlo del caos e della Teocrazia fondamentalista Islamica».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.