Gli operai Ilva bloccano la città

Gli operai dell'Ilva hanno confermato durante l'ultima assemblea di voler proseguire a testa bassa per la difesa del posto di lavoro

Sciopero ad oltranza e blocchi stradali in tutta Taranto. Gli operai dell’Ilva hanno confermato durante l’ultima assemblea di voler proseguire a testa bassa per la difesa del posto di lavoro dopo il brutto pasticcio che ha costretto la magistratura a porre sotto sequestro gli impianti: sei reparti sotto sequestro preventivo e otto arresti tra dirigenti ed ex dirigenti.
L’Ilva di Taranto, il più grande sito siderurgico d’Europa è sotto inchiesta per gravissime accuse di inquinamento: accuse a vario titolo di disastro ambientale colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose e inquinamento atmosferico.

Alla notizia delle prime disposizioni di sequestro i lavoratori sono scesi per strada a tutela del posto di lavoro. Oltre al presidio davanti allo stabilimento, ci sono blocchi sulla statale 100 Taranto-Bari, la statale 106 jonica, la strada Taranto-Statte e la città vecchia di Taranto.
Attualmente il caso è finito direttamente all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri dove il Governo cercherà una via d’uscita per la situazione creatasi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.