Il referendum anti-casta “sbanca”: finiti i moduli per la raccolta

La proposta di referendum per abolire le indennità dei parlamentari ha raccolto 330 firme. Viste le richieste, il Comune ha dovuto "richiamare" i promotori per avere nuovi moduli. Stesso problema a Busto e Castellanza

Il referendum contro gli stipendi ai parlamentari "sbanca" a Gallarate: l’ufficio elettorale ha raccolto 330 firme, un numero superiore a tutte le altre città della provincia (Varese e Busto comprese). Un successo tanto travolgente che ora non ci sono più moduli per firmare: il Comune ha dovuto sollecitare i promotori a consegnarne altri.
La proposta referendaria per l’abrogazione parziale della legge per le indennità parlamentari è sostenuta da Unione Popolare: a Gallarate ha raccolto ben 299 firme di cittadini residenti e 31 di residenti in altri Comuni della zona. Buon risultato anche per la proposta di legge di iniziativa popolare sul finanziamento della politica (abrogazione dei rimborsi per spese elettorali): 131 firme di cittadini residenti e 15 di non residenti.

A un certo punto l’ufficio elettorale di Palazzo Broletto è rimasto senza moduli e ha dovuto richiederli ai promotori, a cui spetta predisporre i moduli : attualmente – spiegano dal Comune – si è ancora in attesa di una risposta da parte dei promotori, per l’ultima settimana di raccolta (la stessa Unione Popolare ha sollecitato i propri seguaci a stampare i moduli e portarli in Comune). Lo stesso problema si è verificato a Busto Arsizio, come ci conferma la lettrice Laura Bertaso che, una volta presentatasi nell’ufficio preposto si è sentita dire che i moduli saranno disponibili nuovamente dal 19 luglio. Anche a Fagnano Olona, Castellanza e Olgiate Olona si registrano difficoltà nell’ottenimento dei moduli da parte del comitato promotore.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.