In 60.000 al JazzAscona

Conclusa la 28esima Edizione di JazzAscona. Decisamente positivo il bilancio artistico. Tanti i giovani che hanno scoperto il festival

Jazz AsconaIl JazzAscona Festival si è concluso ieri sera, sabato 30 giugno, con un bagno di folla e un bilancio artistico molto positivo, che conferma la continua crescita qualitativa della rassegna asconese. Tutto sommato soddisfacente l’affluenza, con un finale in crescendo e circa 60mila presenze.
 
«Il festival – dichiara il presidente Aldo Merlini – ha risentito, come ampiamente previsto, della concorrenza dei campionati europei di calcio, che è stata particolarmente feroce giovedì, in occasione della semifinale Italia-Germania». Il cielo, invece, ha pesantemente penalizzato il giorno inaugurale e il primo sabato, «che per il festival conta come tre giorni dal profilo dell’affluenza. Se poi teniamo conto del contesto di crisi del turismo internazionale nel quale ci muoviamo, una perdita del 15% mi sembra tutto sommato possa rientrare nella logica delle cose»  dichiara Merlini, presidente in procinto di lasciare l’incarico al 46 enne albergatore con esperienza nel settore marketing Guido Casparis al termine di questa edizione.
 
Molto positivo il bilancio artistico. Il programma confezionato quest’anno dal direttore artistico Nicolas Gilliet ha convinto pubblico e critica. Vincente la proposta di dare spazio alle donne, pagante l’innesto di giovani artisti, un successo l’apertura a una maggiore varietà di stili come il funk, il beatboxing o il soul-pop. I giovani hanno risposto in maniera molto positiva. «Quest’anno – dichiara Nicolas Gilliet – abbiamo osato più del solito. Il festival si è rimesso in gioco. La rispondenza è stata decisamente positiva, come dimostra, ad esempio, il successo ottenuto dalla reginetta del soul-blues Nina Attal».
 
Fra le highlight di questa edizione da ricordare sicuramente l’emozionante concerto della regina del soul di New Orleans, Irma Thomas (premio alla carriera del festival), la delirante battaglia delle brass band che ha visto protagoniste, assieme al pubblico danzante fino a notte fonda, la ReGeneration BB da New Orleans e la francese C.Q.M.D, ma anche l’omaggio del trombonista Wycliffe Gordon a Louis Armstrong e le performance delle straordinarie pianiste e cantanti Champian Fulton e Davina Sowers. Indimenticabile è stata anche la presenza dell’80enne cantante di New Orleans Germaine Bazzle. Per la prima volta in Europa, la carismatica artista ha letteralmente stregato il pubblico. Fra i gruppi di maggior presa popolare da segnalare invece la formazione svedese Carling Family.
 
Il festival si conclude lunedì sera con un’appendice a Cannobio (Italia), che proporrà tre appuntamenti a partire dalle 19 sul lungolago con la ReGeneration Brass Band, Creole Clarinets & Trio Perigoso e Larry Franco Quartet.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.