Inizia la festa della Contrada del Brodo

Si apre questa sera la festa del rione intorno a Via San Giovanni Bosco, un tempo il più umile del borgo di Gallarate: una tradizione autentica rinnovata nel tempo. Il culmine nelle giornate di domenica e lunedì

I drappi rossi segnano già gli angoli del rione, tra via San Giovanni Bosco e via Novara: è tutto pronto, nel centro di Gallarate, per la festa della Madonna del Carmine, ricorrenza legata alla ormai ben conosciuta "Cuntrada Dal Broeud".

Al di là dei tanti eventi man mano aggregati, il cuore della festa rimane la parte più tradizionale, che trova il suo aspetto più noto nella distribuzione del brodo, un tempo (forse) riservato ai più poveri una volta l’anno: la via San Giovanni Bosco, allora detta "Canton Sordo", era la zona più umile e povera del borgo di Gallarate, allora tutto chiuso all’interno dell’ "esagono" circondato dall’Arnetta e da un piccolo canale difensivo, sul percorso via Roma-via Bottini-via Bonomi-via Cantoni-via Borghi-via XX Settembre. Un’altra versione della storia (alternativa a quella della distribuzione annuale ai poveri) vuole infatti che in questa zona popolare un vecchietto vendesse ogni giorno il brodo agli operai della zona che lavoravano nei primissimi opifici realizzati sulle rive dell’Arnetta. Il rito del brodo – qualunque  sia l’origine vera –  si rinnova anche quest’anno, la mattina di domenica 13 luglio.

La festa si apre però questa sera (mercoledì 11 luglio) alle 21 con lo spettacolo teatrale della compagnia MElo Bonsai: sul palco allestito all’altezza del "Ponte di Cardano" (il ponte dove inizia via San Giovanni Bosco) andrà in scena lo spettacolo "I tre porcellini". Giovedì 12 (alle 20.45) si prosegue con un appuntamento religioso, la Santa Messa nel cortile di Vicolo Volpe 1, seguito dal concertino serale del Corpo Musicale La Concordia di Crenna. Venerdì 13, grazie alla collaborazione del NAGa, si tiene la "Prima Corrida di Gallarate", evento per "dilettanti allo sbaraglio": una serata divertente, con le strade della contrada che saranno invase dalle bancarelle di artigianato. Sabato 14 luglio, sempre alla sera, alle 21, ci sarà esibizione ed intrattenimento con la scuola di ballo "Perfect combination".

Domenica 13 luglio sarà poi la volta del rito del brodo, cuore storico della festa: dopo la messa delle 10.30 in Basilica, si terrà la benedizione e la distribuzione del brodo, all’altezza dell’incrocio con via Cadolini e via dei Fiori. La festa prosegue poi nel pomeriggio con la Caccia al tesoro "alla scoperta della nostra città" (alle 17) e poi alle 21 con il concerto del Complesso Fisarmonicisti Città di Varese diretto dal maestro Luigi Luoni, che proporrà un percorso musicale "dal classico al brillante popolare". Infine, lunedì 16 luglio, l’ultimo appuntamento, anche questo dentro nella tradizione più autentica della festa: la processione col Simulacro della Madonna del Carmine, che dalla Basilica sarà riportata nella sua edicola all’angolo tra via San Giovanni Bosco e vicolo del Gambero, rinnovata negli anni Settanta. L’evento sarà accompagnato ancora dalle note della banda di Crenna.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.