Investe nonno e nipotina, poi scappa lasciandoli a terra feriti

L'incidente ha avuto molti testimoni e le forze dell'ordine sperano di individuare in breve tempo il pirata della strada

Se la sono cavata con ferite non gravi e tanto tantissimo spavento il nonno e la sua nipotina di quattro anni che ieri pomeriggio poco dopo le 17,30 mentre percorrevano in bicicletta la rotatoria  di fronte alle scuole medie di Cardano al Campo, sono stati urtati e buttati a terra da una vettura guidata da una persona che subito dopo è fuggita senza prestare soccorso.
All’incidente, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, hanno assistito diverse persone che con la loro testimonianza hanno messo le forze dell’ordine sulle tracce del pirata della strada.

Tutto è accaduto in un attimo. Erano circa le 17,40 quando un uomo di 70 anni, residente in paese, stava percorrendo in bicicletta la rotatoria dove si incrociano le vie Carreggia, Gramsci e S. Francesco, di fronte alle scuole medie. Sull’apposito sellino aveva la nipotina di quattro anni, residente con i genitori a Ferno. I due sono stati urtati e buttati a terra da una vettura di colore scuro, una berlina, di marca Honda o Hyundai, con una sola persona a bordo che poi è fuggita senza fermarsi a prestare soccorso.

Una fuga che potrebbe rivelarsi inutile, oltre che vigliacca. L’incidente, infatti, ha avuto molti testimoni che hanno riferito in modo dettagliato diversi particolari, a partire dalla targa del veicolo, fornita in modo quasi completo. Determinante potrebbe essere un grande adesivo giallo (una I) che dovrebbe rendere ben riconoscibile la vettura.
Inoltre tracce di vernice del mezzo recuperate sul luogo del sinistro sono risultate valide per stabilire già nelle prossime ore il modello esatto del veicolo.  Le Forze dell’ordine – sul posto la Polizia locale, i Carabinieri e la Polizia stradale – sono state tutte allertate per le indagini e anche per istituire posti di blocco.
I feriti sono stati trasportati all’Ospedale di Busto Arsizio in condizioni fortunatamente non preoccupanti.  Questo nulla toglie alla gravità del fatto e alle responsabilità del guidatore dell’auto che dovrà rispondere come minimo di omissione di soccorso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.