L’arte norcina della provincia conquista “Salame in festa”

Diverse le aziende agricole del varesotto che hanno ricevuto importanti riconoscimenti per la loro produzione del salame durante la manifestazione di Sergnano

L’arte norcina della provincia di Varese conquista la giuria di “Salame in Festa”, il concorso che negli scorsi giorni a Sergnano al confine fra le province di Bergamo e Cremona, ha messo a confronto esempi ottimi dell’arte norcina. Ottimo, in particolare, è stato il piazzamento di tre imprese del territorio varesino, a cominciare dall’azienda agricola “Valleluna” di Varese che ha conquistato il primo piazzamento nella categoria “Salami del Nord della Lombardia”: seconde classificate, ex aequo, l’azienda agricola “Moscheri Luigia” di Travedona Monate e l’azienda agricola Da Santino di Carugo (Como). Anche il terzo classificato è della provincia di Varese: si tratta de “La Fattoria” di Livio Formaggio di Sesto Calende. Primo classificato come “miglior salame della festa” è stato invece quello di Ivo Rossetti, che pure si è imposto nella categoria “salami cremonesi e bergamaschi”. Promossa da diversi anni a Sergnano con il coordinamento di Valeriano Moretti, la manifestazione è cresciuta nel tempo, estendendo i propri confini dalla zona del Cremonese e del Bergamasco fino a divenire interregionale. La gara si è svolta presso il ristorante “Dell’Albero”, presso la Cascina Colomberone: una qualificata giuria ha giudicato i salami, ovviamente proposti in forma anonima. La produzione di salumi nel Varesotto e nelle province dell’Insubria è radicata nel tempo ed ha origini molto antiche; negli ultimi anni, grazie anche all’azione di Campagna Amica e delle imprese di Coldiretti, è in essere la positiva valorizzazione dei salumi del territorio, in particolare del tipico Salame Prealpino. L’azienda “Valleluna”, accreditata come “Punto Campagna Amica”, si trova a poca distanza dal centro di Varese e dal Lago, l’azienda Valleluna, oltre a produrre i buoni salami, trasforma il latte dei propri animali in formaggi freschi e stagionati. Da segnalare la Formaggella del Luinese, unico formaggio di capra riconosciuto Dop. Tra i suini allevati, l’azienda conta 5 fattrici di razza Duroc per la produzione di magroni e porchette. La fattoria Moscheri, invece, alleva suini e bovini al pascolo: si trova in una zona verde vicino al lago di Monate e produce ottimi salumi tramandando ricette antiche. In azienda è possibile acquistare carne suina e bovina oltre che pollame allevato in libertà e conigli nostrani. Ottimi anche i salumi de “La Fattoria” di Livio Formaggio: l’azienda agrituristica si trova nel territorio comunale di Sesto Calende, all’interno Parco del Ticino lombardo e dista pochi chilometri dai laghi Maggiore e di Monate. I salumi sono serviti nel punto di ristoro o venduti. “Un plauso alle nostre imprese varesine, che si sono ben distinte in una giornata che ha avuto il merito di evidenziare la qualità dei nostri salumi” sottolineano il direttore e il presidente di Coldiretti Varese, Fernando Fiori e Francesco Renzoni. “Salumi che anche i consumatori possono portare in tavola grazie all’assidua presenza delle imprese ai numerosi Agrimercati di Campagna Amica presenti ogni settima a Varese città e nella provincia”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.