“L’ospedale è sicuro e pulito”

L'Azienda ospedaliera di Busto replica alle dichiarazioni di un utente infastidito dalla presenza dei senza tetto. Una presenza che si ripete ciclicamente

I sotterranei dell'ospedale di BustoCon riferimento agli articoli apparsi sui quotidiani locali la Direzione Sanitaria desidera precisare quanto segue.
In data 25.07.12 è pervenuto all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio un reclamo, esteso successivamente ai quotidiani locali.
Nel reclamo il cittadino lamentava un suo forte disagio non connesso all’attività clinica ma determinato dall’ambiente ospedaliero.
Come avviene in tutti i casi di reclamo la Direzione dell’A.O. ha avviato le verifiche interne procedendo, tramite i suoi Uffici, all’analisi degli ambiti portati all’attenzione.
La presenza inopportuna e non legittimata di persone senza fissa dimora in alcuni settori dell’Ospedale è stata più volte affrontata e risolta, ma periodicamente il fenomeno si ripresenta.
La Struttura Ospedaliera, luogo dedicato alla diagnosi, cura e riabilitazione, si offre per le sue caratteristiche ad una talora non desiderata accessibilità. Diverse le misure nel tempo adottate sia sul versante della sicurezza sia su quello della collaborazione con Enti e Istituzioni quali il Comune, le Parrocchie, il terzo settore.
Le Forze dell’Ordine e in particolare il personale del Posto di Polizia interno al Presidio Ospedaliero hanno sempre offerto un servizio di massima tutela per il cittadino, intervenendo puntualmente in caso di necessità come d’altronde avviene su tutto l’ambito territoriale.
La Struttura dispone di un sistema di monitoraggio continuo delle infezioni ospedaliere anche nel contesto del processo di miglioramento continuo della qualità. La possibilità che si possa venire a contatto con persone senza fissa dimora, in qualsiasi ambiente, non è sinonimo di infezione.
Gli Uffici intervengono con puntualità per il rilievo e il ripristino di eventuali aree alle quali siano stati arrecati dei danni. La Ditta incaricata delle Pulizie presso la Struttura Ospedaliera interviene nel caso oltre la normale e quotidiana programmazione.
In nessun reparto di degenza sostano persone senza fissa dimora che inquinano l’ambiente non ricorrendo ai servizi igienici.
La presenza dei mozziconi di sigaretta nei viali dell’Ospedale è invece testimonianza di una non educazione di chi non utilizza i posacenere disponibili. Anche in questo caso si interviene periodicamente tramite gli incaricati delle pulizie.
I sopralluoghi condotti da parte degli Uffici preposti e delle Ditte incaricate non hanno evidenziato rilievi particolari.
L’Azienda Ospedaliera rassicura i cittadini e prosegue nel percorso già in essere al fine di mantenere le caratteristiche di sicura accoglienza e di buona degenza. Di queste caratteristiche sono costante supporto, oltre che i positivi dati inerenti l’attività clinica, gli elogi e i riconoscimenti che la Struttura Ospedaliera riceve quotidianamente dalla popolazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.