“Le fate sono morte”, la rock band che presenta il nuovo brano

La band alternative rock del varesotto presenta "La storia non siamo noi", il suo ultimo lavoro

Le fate sono morteIl 4 Agosto è la data di uscita prevista per il nuovo video de Le Fate Sono Morte, band alternative-rock del varesotto, che con questo nuovo lavoro dal titolo “La Storia Non Siamo Noi” mostra un’evoluzione verso un stile musicale e compositivo sempre più personale.
La Storia Non Siamo Noi, registrato presso i Cellardoor Studio con la collaborazione di Gianluca Amendolara, è un brano di denuncia sociale verso un mondo che tende a emarginare sempre più i giovani. Un brano in cui spicca con prepotenza la frase “questa sarà la nostra piccola rivoluzione”. Le Fate vogliono parlare di piccole rivoluzioni personali, esortare chi li ascolta a fare il possibile per raggiungere i loro obbiettivi. Questo stesso pezzo, per loro, è una piccola rivoluzione, lontano dall’etichetta “grunge anni 90” che gli hanno affibbiato fino ad oggi e che si sentono troppo stretta. Le Fate Sono Morte nascono nel 2009 dalla mente di Andrea Di Lago, autore di tutti i pezzi, che si avvale della collaborazione di Stefano Felli al basso, Federico Calandra alla chitarra e Giuseppe Musto alla batteria per creare brani con una forte carica emotiva e sonorità a volte dolci e a volte corrosive. In quattro anni hanno pubblicato due EP, “Benvenuti Negli Anni Zero” e “Serialmente”, e si sono affermati come una delle realtà live più durature della provincia, solcando centinaia di palchi, in bilico tra squallidi bar di periferia e i più importanti locali del Nord Italia e non solo. Non ci resta che attendere questo nuovo video e scoprire cosa hanno di nuovo da dirci.

L’anteprima del pezzo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.