“Meno animali, più tecnologia”. La Regione discute di sperimentazione scientifica

Nel pieno dello scandalo Green Hill, in Consiglio regionale martedì si vota una risoluzione per promuovere iniziative a sostegno della limitazione dell'uso di scimmie, cani e gatti per la ricerca

"Meno animali, più ricerca". Potrebbe essere questo lo slogan del documento che martedì 24 luglio verrà discusso in Consiglio regionale a Milano. Si tratta di una proposta di risoluzione (n. 0019) dal titolo "Iniziative a sostegno della limitazione dell’uso di scimmie antropomorfe, cani e gatti per la sperimentazione scientifica e del divieto di allevamento di tali specie per fini di ricerca". Si tratta di un documento già approvato nella Commissione competente (quella sulla sanità) e che ha come relatore Stefano Galli, capogruppo della Lega Nord.
Anche se nel testo non c’è nessun riferimento – il documento infatti è generico e non si riferisce a nessuna situazione particolare – salta subito alla mente il caso di Green Hill, l’allevamento di beagle a Montichiari (Brescia) sequestrato solo pochi giorni fa.

Nella risoluzione si prende come bussola l’articolo 14 della Legge Comunitria per il 2011, in discussione in Parlamento, per il recepimento della direttiva europea 2010/63/UE del 22 settembre 2010 che prevede rigide prescrizioni in merito all’utilizzo di animali nella sperimentazione scientifica, nonchè il divieto di allevare primati, cani e gatti a tale fine sul territorio nazionale.
Per questo con il voto si vuole impegnare la Giunta su tre punti principali. Il primo è ad esprimere in tutte le sedi opportune il sostegno di Regione Lombardia ai contenuti dell’articolo 14 della Legge Comunitaria. In secondo luogo a predisporre incentivi ed adeguate misure per favorire il progressivo abbandono dell’utilizzo di animali nelle procedure di sperimentazione e ricerca, privilegiando metodi alternativi. Infine ad inviare la risoluzione stessa al ministro della Salute, ai presidenti di Camera e Senato, ai presidenti e a tutti i componenti della commissioni parlamentari competenti.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.