Muore il consigliere del Quirinale Loris D’Ambrosio

Era stato recentemente al centro dello scandalo delle intercettazioni con Nicola mancino riguardo la trattativa tra Stato e mafia. Il cordoglio di Napolitano

loris dambrosio aperturaIl consigliere giuridico del Presidente della Repubblica Loris D’Ambrosio è morto questo pomeriggio a Roma stroncato da un attacco di cuore. L’infarto ha colto D’Ambrosio, 64 anni, attorno alle 15.30. Magistrato, consigliere di Giorgio napolitano, è mancato nella sua abitazione nella sua abitazione. L’annuncio arriva dallo stesso Giorgio Napolitano: «Annuncio con animo sconvolto e con profondo dolore la repentina scomparsa del dott. Loris D’Ambrosio, prezioso collaboratore mio come già del mio predecessore, che ha per lunghi anni prestato alla Presidenza della Repubblica l’apporto impareggiabile della sua alta cultura giuridica, delle sue molteplici esperienze e competenze di magistrato giunto ai livelli più alti della carriera. Egli è stato infaticabile e lealissimo servitore dello Stato democratico».
Il nome di D’Ambrosio era di recente venuto alle cronache per essere stato intercettato in conversazioni con Niucola Mancino sul caso delle trattative tra stato e mafia avvenute al principio degli anni ’90.
Proprio a fronte di questo clima di veleni, il cordoglio del Capo dello Stato è stato arricchito da dichiarazioni specifiche che lo stesso napolitano ha voluto fare in merito: «Insieme con l’angoscia per la perdita gravissima che la Presidenza della Repubblica e la magistratura italiana subiscono, atroce è il mio rammarico per una campagna violenta e irresponsabile di insinuazioni e di escogitazioni ingiuriose cui era stato di recente pubblicamente esposto, senza alcun rispetto per la sua storia e la sua sensibilità di magistrato intemerato, che ha fatto onore all’amministrazione della giustizia del nostro Paese»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.