Non c’è pace per i Velo Ok di Busto

Dopo l’oscuramento dei vetri di una colonnina continua l’opera di danneggiamento dei Velo Ok in città. Questa volta è stato preso di mira quello nei pressi della rotonda di via Repubblica con una scritta che sa di minaccia

Non si è ancora conclusa la fase di installazione che la mano dei vandali si è già abbattuta sui nuovi Velo Ok, un sistema per dissuadere dal superamento dei limiti di velocità lungo le principali arterie cittadine. E se l’insensata protesta a suon di bombolette spray continua, la vittima è sempre la stessa colonnina in via Quintino Sella. Dopo l’anonima mano che aveva oscurato di blu i vetri dell’installazione, nei giorni scorsi è comparsa anche una scritta nera: Not Here (non qui, ndr). Ed è francamente molto difficile credere che l’autore del gesto si riferisca alle polemiche legate al luogo di installazione di quel Velo Ok, a pochi metri dalla fine di una rotonda. Tuttavia è bene ricordare a quanti volessero emulare gli artefici di questi gesti che i Velo Ok non sono autovelox. Si tratta semplicemente di alloggiamenti che hanno lo scopo di “spaventare” gli automobilisti e spingerli a rispettare il codice della strada e che, solo in alcune occasioni e con la presenza fisica degli agenti di polizia, potranno ospitare un rilevatore di velocità. Oscurarne i vetri, sporcarne gli alloggiamenti o danneggiarne la struttura non ha alcun senso. E, tra l’altro, è anche un reato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.