Notte in Valle di Susa tra temuti sgomberi e treni bloccati

I No Tav tentano di bloccare un treno carico di scorie nucleari, ma le forze dell’ordine riescono a contenerli

no tavAncora una notte agitata in Valle di Susa. I No Tav tentano di bloccare un treno carico di scorie nucleari, ma le forze dell’ordine riescono a contenerli; tuttavia un gruppo di 15 attivisti riesce a occupare i binari a Borgone di Susa, ma poco dopo vengono convinti ad allontanarsi. Sono circa 200 i No Tav identificati. Nel corso della notte si è anche temuto per lo sgombero del campeggio dei No Tav, nella zona di Chiomonte, a poca distanza dal cantiere della ferrovia Torino- Lione, per l’irruzione di circa 50 agenti in tenuta antisommossa, poi giustificata dalla Questura come una semplice reazione al tentativo di alcuni attivisti di avvicinarsi al cantiere.
Da aggiungere al bilancio della nottata è anche un treno rimasto fermo alla stazione di Bussoleno. A bordo c’erano 115 attivisti che, al momento di scendere dal convoglio, sono stati accolti da polizia e carabinieri. L’operazione è stata giustificata agli avvocati del Legal Team No Tav, chiamati sul posto, dicendo che alcuni attivisti avevano il volto coperto. I No Tav sono comunque riusciti ad attrarre l’attenzione sui “treni nucleari”, convogli carichi di scorie diretti nel Nord-Est della Francia per essere riprocessati, ritenuti pericolosi dagli attivisti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.