PD: “Errore la deroga per Isernia, Terni e Matera. I partiti di maggioranza ci ripensino”

Le tre province, così come altre 64, non hanno i criteri previsti dalla spending review. Alfieri: «Se comincia il gioco delle deroghe la discussione sulla revisione degli enti territoriali perde di senso»

«I partiti della maggioranza ci ripensino. Lo chiediamo con forza: non facciano questo grave errore». È con tono risoluto che il vicesegretario del PD della Lombardia Alessandro Alfieri chiede il ritiro della decisione di salvare le province di Isernia, Terni e Matera, come vuole un emendamento approvato oggi in commissione bilancio al Senato e presentato con firme di esponenti di PD e PDL.
«Noi – aggiunge – siamo pronti ad accettare la sfida della costruzione di un nuovo assetto degli enti territoriali valutando l’accorpamento di province con territori popolosi ed estesi, come sono quella di Varese, esclusa per limiti territoriali nonostante abbia quasi 900mila abitanti, o quelle di Como e di Monza e Brianza. Ma non possiamo assistere ad accordi al ribasso per i quali ogni volta che si prende una decisione c’è sempre qualcuno che propone deroghe incomprensibili, con argomenti francamente risibili rispetto al passaggio epocale che stiamo affrontando. In Lombardia abbiamo province consistenti per territorio, numero di abitanti e di comuni, che non sono nemmeno comparabili alle tre che si vorrebbero salvare. Noi vorremmo parlare, pur con qualche perplessità sui criteri adottati, di una revisione degli enti territoriali che vada incontro alle linee guida della spending review per razionalizzare i costi e garantire servizi migliori ai cittadini, ma se comincia il gioco delle deroghe la discussione sulla revisione degli enti territoriali perde di senso». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.