Pensioni in contanti addio

Entrano in vigore le norme sulla tracciabilità dei pagamenti. Le pensioni sopra i mille euro devono essere depositate in conti correnti

Niente più pensioni in contanti allo sportello. Ora o si ha un contro corrente o si rimane senza soldi. Sono entrati oggi, lunedì 2 luglio, i cambiamenti introdotti dal primo ministro Mario Monti, che prosegue la sua lotta agli evasori mirando ad aumentare la trasparenza sui transiti di denaro e diminuire i costi per lo Stato. Questa nuova norma obbliga i pensionati ad aprire un conto corrente, e ciò comporta dei costi aggiuntivi e una caduta della loro indipendenza, vista la complicatezza dell’ organizzazione bancaria. Ma le lamentele non si fermano qui, infatti questa nuova norma appare inutile a prima vista poiché le tasse vengono trattenute dalle pensioni già prima di essere consegnate ai pensionati. Questi nuovi problemi  sono diventati quotidiano anche per centinaia di anziani varesini, che senza questa legge non avrebbero mai immaginato di dover spendere di più per ritirare ciò che gli appartiene per diritto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.