Russell completa l’opera e trionfa a Luvinate

Conclusa con la vittoria dello scozzese la prima edizione del Challenge Provincia di Varese. L'argentino rimonta ma non basta, terzi gli azzurri Crespi e Tadini

In testa dall’inizio alla fine: è più che meritato il successo finale nel primo "Challenge Provincia di Varese" di golf ottenuto dallo scozzese Raymond Russell (foto Torchio) che ha superato anche la scaramanzia. E’ infatti di 17 (!) colpi sotto il par il risultato conclusivo del 40enne di Edimburgo che ha capeggiato la classifica sul campo del Vecchio Monastero di Luvinate fin da mercoledì, primo dei quattro giorni di gara che hanno portato alle porte di Varese oltre 150 giocatori di livello internazionale.
Non un successo semplice però quello di Russell che sabato, nell’ultima tornata da 18 buche, ha dovuto resistere alla rimonta dell’argentino Vancsik: quest’ultimo, tra i favoriti della vigilia, si è letteralmente scatenato dopo il brutto terzo giro e ha chiuso la giornata di sabato con uno splendido -6 che lo ha portato a un sol colpo dal vincitore (263 totali per lo scozzese, 264 per il rivale).
"Vittoria a parte, è stata una settimana molto divertente su un ottimo percorso – ha spiegato Russell – Nel giro finale non ho avuto mai problemi nel mantenere il vantaggio, anche se si è ridotto, e ho avuto la continua sensazione di potercela fare".
Bene anche gli azzurri con due giocatori appaiati al terzo posto. Si tratta del novarese (ma varesino di estrazione golfistica) Tadini e del brianzolo Crespi, saliti sul podio con uno score di 268 (-12) sufficiente a staccare gli altri rivali per il terzo posto. Si sono fermati infatti a -10 sia il secondo scozzese McArthur, molto regolare la sua prova, sia l’inglese Lockerbie autore di un avvio difficile (ha rischiato il taglio) ma anche di un’ottima seconda metà di torneo.
Soddisfazione tra gli organizzatori del Golf Club Varese e della Provincia, con il presidente Galli intervenuto alle premiazioni. La prima edizione di un torneo di questo livello ha superato l’esame di giocatori e addetti ai lavori internazionali e la volontà è dunque quella di ripetere un’esperienza interessante sotto molti punti di vista. Magari con i giovani varesini che tra un anno avranno accumulato esperienza e potranno dire la loro anche in classifica generale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.