Sei italiani su dieci rinunciano alle vacanze

Il dato emerge dall'analisi di Adoc: chi partirà starà via al massimo una settimana con un budget di 600 euro a persona

Secondo le stime dell’associazione consumatori Adoc solo il 40% degli italiani andrà in vacanza. A far rinunciare ai viaggi le famiglie avrebbero contribuito rincari delle utenze domestiche, di trasporto e alloggio e l’Imu. Il 65% di chi invece partirà starà in vacanza al massimo per una settimana, mentre solo l’1% potrà permettersi quasi un mese di relax. Oltre alle spese per tasse e bollette hanno inciso secondo l’associazioni anche i rincari nei prezzi: per un biglietto aereo di andata e ritorno si spende in media il 2% in più dello scorso anno, un biglietto del treno costa il 3,8% in più. Prendere l’auto comporterà un esborso maggiore di oltre 20 euro per due pieni. In rialzo dell’1,5% anche i pacchetti vacanza ”tutto compreso”, mentre l’alloggio in un albergo a mezza pensione per una settimana costa l’1,4% in più.
Il budget a testa da destinare alla vacanza si aggira intorno ai 600 euro mentre solo il 3% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a spendere più di 1.000 euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.