Sicurezza sul Verbano, la Provincia schiera i bagnini

Alcune delle spiagge più affollate del Lago Maggiore saranno presidiate dai ragazzi della Società di Salvamento sino al prossimo 26 agosto

La stagione balneare del Lago Maggiore è già iniziata ma si appresta a vivere il suo periodo più ricco, su cui quest’anno per la prima volta veglierà un gruppo di bagnini professionali che si occuperanno di "custodire" alcune delle spiagge più conosciute e affollate.
Maccagno-Parco Giona, Luino-Colmegna, Cerro di Laveno, Arolo di Leggiuno, Monvalle, Ranco e Lisanza di Sesto Calende saranno i lidi presidiati da sabato prossimo – 14 luglio – al 26 agosto dagli uomini della Società Nazionale di Salvamento: «La scelta è caduta su alcune delle spiagge più affollate del Verbano, tenendo però anche conto delle pulizia delle acque» ha spiegato in sede di presentazione del progetto il sindaco di Laveno Mombello, Graziella Giacon, che presiede anche il Consorzio di gestione associato dei Laghi. Quest’ultimo ente coordina i comuni rivieraschi del Varesotto e si occuperà di fornire le strutture e le attrezzature previste dal progetto.
Il coordinamento è invece affidato alla Provincia, visto che fa parte del Progetto Acque Sicure che da diversi anni si svolge sotto l’egida di Villa Recalcati. «Con questa iniziativa ampliamo ulteriormente l’impegno per la sicurezza sul nostro territorio, sia per i cittadini sia per i turisti – ha spiegato l’assessore provinciale Massimiliano Carioni durante l’incontro di Laveno – I bagnini vanno ad affiancare le forze dell’ordine e la nostra Squadra nautica del comandante Lucio Semenzato, che ha collaborato in questa circostanza per studiare come e dove attuare questo servizio».
Ma in cosa consiste la presenza dei bagnini sulle spiagge del Verbano, oltre naturalmente all’intervento a favore dei bagnanti in difficoltà? Lo spiega il responsabile dei ragazzi "in maglia rossa", Paolo Macchi: «Anzitutto la nostra presenza dev’essere vista come un supporto ai turisti e non come un controllo; l’invito è quindi quello di contattare i bagnini non solo in caso di emergenza ma anche per consigli di vario tipo. Il nostro personale è stato formato con corsi e abilitazioni specifiche e sono addestrati sia dal punto di vista fisico, sia per dare consigli teorici su aspetti medici e legali».
Accanto alle postazioni dei bagnini, il Consorzio si è anche impegnato a dotare le spiagge di altri supporti per i villeggianti: «Abbiamo iniziato a posizionare sui lidi i cartelli con le indicazioni per chiamare i diversi numeri del pronto intervento – ha spiegato Giacon anche a nome dei colleghi sindaci – Inoltre, davanti alle spiagge di Maccagno, Ispra e Cerro, sono state installate alcune boe per segnalare alle imbarcazioni le zone dedicate alla balneazione. I fondi a disposizione sono risicati ma appena possibile cerchiamo sempre di aumentare strutture e attrezzature a favore di chi trascorre qualche ora sui laghi. Le prossime boe sono previste a Reno, speriamo di posizionarle presto».

Le spiagge – Maccagno (Parco Giona, 2 presìdi); Luino (Colmegna); Laveno M. (Cerro); Leggiuno (Arolo); Monvalle, Ispra, Sesto Calende (Lisanza).
Le date – Tutti i giorni, da sabato 14 luglio a domenica 26 agosto
Gli orari – Da lunedì a venerdì: 13-18 – Sabato, domenica e settimana di Ferragosto: 11-19.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.