“Tutti sulla stessa barca” per aiutare i pescatori del Kenya

È partita in questi giorni la nuova campagna del Cast, l'organizzazione non governativa che da 30 anni lavora per promuovere uno sviluppo compatibile con le risorse e i limiti ambientali del pianeta

È partita in questi giorni la nuova campagna “Tutti sulla stessa barca” del Cast (Centro per un appropriato sviluppo tecnologico), l’organizzazione non governativa di Laveno Mombello che da 30 anni lavora per promuovere, in Italia e all’estero, uno sviluppo compatibile con le risorse e i limiti ambientali del pianeta.
Il Cast realizza progetti di cooperazione internazionale nei paesi in via di sviluppo, lavorando in sinergia con associazioni ed Ong locali, mentre sul territorio della provincia di Varese si occupa di educazione alla cittadinanza mondiale attraverso la realizzazione di percorsi didattici nelle scuole e l’attuazione di progetti di educazione ambientale e intercultura in collaborazione con le realtà del territorio.

IL BLOG del CAST

Con la nuova campagna di raccolta fondi il Cast invita tutti quanti a salire sulla barca del progetto “Wavuvi” (pescatori in lingua swahili), progetto di sostegno alla pesca artigianale nel distretto di Kilifi in Kenya.
Il progetto, attivo dal gennaio 2011, ha l’obiettivo di alleviare la povertà delle comunità costiere che dipendono dalle risorse marine, promuovendo il coinvolgimento diretto delle associazioni di pescatori nella gestione sostenibile delle risorse.
Piccoli passi sono già stati fatti: formazioni per tecniche di pesca più sostenibili, si sono costruite vasche per l’allevamento di gamberi, piantate più di 2.000 mangrovie per riforestare la costa. ma ancora molto resta da fare: le formazioni alle donne sull’essiccazione del pesce, avviare la pesca d’altura con attrezzature adeguate, avviare l’allevamento dei granchi. Salite sulla barca del Cast e date un contributo al progetto!

La campagna “Tutti sulla stessa barca!” invita aziende, negozi e ristoranti a diventare partner nel sostegno ai pescatori e alle donne di Kilifi, promuovendo il rispetto dell’ambiente marino e di chi vi lavora.
Salire a bordo è semplice: le attività commerciali o imprese potranno aderire elaborando con il Cast un progetto di marketing sociale legando l’esito commerciale di un proprio prodotto alla campagna o organizzando con l’associazione un evento per sponsorizzare il progetto. Il marketing sociale fa bene alle vendite, infatti, secondo un’indagine Ipsos Explorer il 60% delle persone ritiene che sarebbe più invogliato all’acquisto di un prodotto sapendo che parte del ricavato verrà utilizzato per una causa sociale e l’82% ritiene che, a parità di prezzo, acquisterebbe un prodotto legato a una causa sociale.
Ovviamente sulla barca c’è posto anche per privati cittadini sensibili ai problemi della sostenibilità ambientale e solidali con i pescatori del Kenya, che potranno acquistare i gadget della campagna sul blog o semplicemente fare una donazione. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.