Un campo da cricket a Gallarate? È subito scontro

La proposta è venuta dall'Associazione Pakistani Varesini e dalla Uisp, che vorrebbero recuperare un campo coperto di residui di asfalto. La Lega Nord: "Non siamo a Islamabad"

Un campo di cricket a Cajello di Gallarate, per far crescere la squadra locale, ma anche per recuperare un’area oggi inutilizzata: la proposta è venuta dall’Associazione Pakistani Varesini e dalla Unione Sport Per Tutti (Uisp), la cui squadra ha appena vinto un torneo ed è attiva da tempo in zona (nella foto a sinistra: torneo sull’erba a Somma Lombardo). Ma l’idea non piace a tutti: «Il rione di Cajello non è Islamabad, c’è giù un centro culturale islamico, abbiamo già dato» ha contestato il capogruppo della Lega Nord Paolo Bonicalzi. «Cajello è l’unico che non ha un’area verde. Non so quanta voglia abbiano gli abitanti di Cajello di giocare a cricket». Il dubbio della Lega è che rimanga un’attività puramente etnica, riservata ai pakistani che oggi giocano in campi di fortuna, dai parcheggi dei centri commerciali ai pochi prati rimasti. Più "dialogante" la posizione di Aldo Simeoni: «Anziché vederli nel prato privato delle Azalee (un super-condominio ai margini del quartiere di Gallarate, ndr), preferisco che giochino nel campo», ha detto il consigliere del PdL. «Fatelo, questi ragazzi meritano un posto».

C’è da tenere presente che l’area di cui si parla – accanto al campo da calcio del rione – è di fatto molto degradata, il suolo è ricoperto di granulato di bitume (asfalto "tritato") che forse doveva servire come base per costruire un campo in sintetico. Ecco perché l’amministrazione comunale vedrebbe con favore la proposta di una convenzione con la squadra di cricket, per recuperare l’uso della zona: «Perché una parte di Gallarate dovrebbe rifiutarsi di ospitare un’attività sportiva e di aggregazione recuperando un campo che oggi è coperto di bitume?» si è chiesto Danilo Barban, consigliere delegato allo sport dal sindaco Edoardo Guenzani. «Magari potremmo vederli vincere in futuro» ha concluso il consigliere del centrosinistra. E non è detto che la squadra rimanga sempre solo pakistana: il lavoro della Federazione in alcune realtà ha ottenuto buoni risultati nell’integrazione tra diverse comunità straniere e italiani. Tanto che gli Under 15  – squadra di ragazzi stranieri cresciuti in Italia, alcuni figli di coppie miste, un italiano al 100% – hanno vinto nel 2009 anche il campionato europeo di cricket.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.