Verranno tagliate metà delle province

Lo sfoltimento previsto dovrà portare a circa 50 enti sui 107 attualmente esistenti. A seconda delle caratteristiche del provvedimento, elaborate entro 10 giorni, si deciderà anche il futuro di Varese

Il taglio delle province è tornato nella bozza di decreto elaborato dal consiglio dei ministri. Lo sfoltimento previsto dovrà portare a circa 50 enti sui 107 attualmente esistenti.
Una proposta di razionalizzazione che era stata avanzata nei giorni scorsi, e sulla quale potrebbe essere ricalcata la scelta definitiva, prevedeva almeno due requisiti su tre per poter sopravvivere fra un minimo di 350 mila abitanti, un’estensione di almeno 3000 chilometri quadrati e un numero di comuni di almeno 50. 
Un’ipotesi che salverebbe la Provincia di Varese che, infatti, rispetterebbe il requisito sulla popolazione e quello sul numero dei comuni. Diversamente accadrebbe se, invece, nel decreto dovesse essere dato maggior peso alla componente dell’estensione territoriale. Con i suoi 1200 chilometri quadrati sarebbe al di sotto dei 3000 ipotizzati. (Nella foto villa Recalcati sede della Provincia Varesina)
Ma le cose cambierebbero anche per le province sopravvissute per le quali si parla comunque di una razionalizzazione dei compiti: strade, ambiente e gestione delle aree vaste; ma anche degli incarichi istituzionali.
Rimane, infatti, sulla carta la scelta presa con il decreto “Salva Italia” approvato dal Governo Monti prima della fine dello scorso anno. Una delle voci sulla riforma delle province prevede proprio le giunte saranno comunque azzerate e i consigli, non più elettivi, ridotti all’osso. Verrebbero salvati dai tagli i capoluoghi di Regione anche se non hanno i requisiti.
La delibera ufficiale del Consiglio dei ministri, quella che conterrà le caratteristiche definitive del provvedimento, dovrà essere emanata entro 10 giorni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 luglio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.