13 agosto, il paese ricorda la strage: “La verità è più vicina”

Ricorre l'anniversario dell'eccidio nazifascista del 1944 in cui vennero uccisi dodici civili. Dopo quasi settant'anni è stato aperto il processo su quella giornata

Anche quest’anno il paese di Borgo Ticino si è fermato. Accade ogni 13 agosto, il giorno in cui ricorre l’anniversario della terribile strage nazifascista in cui vennero fucilati dodici civili. Il comune ha reso omaggio alle vittime di quel feroce gesto rimasto ancor oggi impunito. Ma tutti sanno che qualcosa rispetto al passato è cambiato. VareseNews aveva incontrato il sindaco della cittadina piemontese, Francesco Gallo, alcuni mesi fa in occasione dell’apertura del processo sull’eccidio: «All’udienza preliminare del 10 Febbraio – aveva raccontato Gallo – il Giudice ha accettato la richiesta di rinvio a giudizio del Pubblico Ministero Militare nei confronti dell’imputato Ernst Wadenpfuhl Sottotenente di Vascello all’epoca dei fatti».

Per quella pagina nera della storia del piccolo comune la svolta attesa per 68 anni è arrivata: «L’inizio del processo – ha aggiunto il primo cittadino – rappresenta già una affermazione di giustizia che vede uniti il Comune i famigliari delle vittime e l’ANPI nazionale. Sono state ammesse tutte le costituzioni di parte civile ed è stato fissato l’inizio del dibattimento penale per il giorno 15 Maggio davanti al Tribunale Militare di Verona 2° sezione. L’importanza del processo va affermata sia rispetto alla richiesta di giustizia che istituzione e privati manifestano sia rispetto all’enorme mole di documentazione e prove raccolte dagli investigatori anche in Germania. L’iniziativa del comune di Borgo Ticino di far processare i responsabili dell’eccidio viene perseguita solamente per la ricerca di verità e giustizia».

Leggi anche – La verità sulla strage nazista, in tribunale settant’anni dopo

Strage nazista il Comune di Sesto rinuncia al processo

Il video – Le testimonianze

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.