Busto ricorda Hiroshima e Nagasaki

Amici del tempio Civico e Jci pregheranno insieme con le parole di Giovanni Paolo II

Lunedì 6 agosto il Comitato degli Amici del Tempio civico e JCI (Junior Chamber International) Varese, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, organizzano la commemorazione della tragedia di Hiroshima e Nagasaki.  Come da qualche anno a questa parte, nella chiesetta di S. Anna, che da vent’anni è Centro di educazione permanente alla pace grazie alla dedizione e all’impegno del compianto cittadino benemerito Angioletto Castiglioni, si svolgerà una breve cerimonia di ricordo, a cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

Sullo sfondo dell’allestimento curato dagli amici del Tempio civico, in cui non mancheranno fotografie e simboli in ricordo delle vittime delle bombe, sarà recitata la preghiera che papa Giovanni Paolo II pronunciò al Peace Memorial di Hiroshima. Per il primo anno l’ormai tradizionale cerimonia si terrà di sera, alle 21, quando la campana della chiesetta risuonerà in memoria di chi perse la vita la tragica estate della doppia esplosione nucleare. I soci di JCI mostreranno poi un video in cui la popolazione di Tohoku, colpita da un altro più recente dramma, quello dello tsunami, esprime parole di gratitudine per gli aiuti ricevuti. Dopo le riprese di quanto accadde l’11 marzo del 2011, si vedranno quelle della ricostruzione in corso nella cittadina nipponica travolta dalla devastazione e aiutata proprio grazie all’Operazione speranza lanciata da JCI, che lo scorso anno ha visto mobilitata anche la sezione provinciale dell’associazione giovanile, oggi guidata da Alberto Baldissara. Coloro che hanno usufruito degli aiuti hanno voluto ringraziare di fronte alla telecamere i cittadini dei Paesi che li hanno soccorsi, ringraziandoli nelle loro lingue. Proprio in virtù dei fondi raccolti in Italia anche tramite la preziosa collaborazione del tempio civico di Busto Arsizio, nel toccante video non manca il "grazie" in italiano, accanto ai tanti commossi e speranzosi "arigato".

La Città di Busto Arsizio con l’amministrazione guidata dal sindaco Gigi Farioli ancora una volta ha voluto sostenere il tema della memoria come momento di riflessione e stimolo all’impegno per un mondo davvero di pace e più giusto. Nel 2009 la Città infatti è stata tra le prime in Italia a promuovere, grazie ad Angioletto Castiglioni, al Comitato e alla Jci (rappresentata dalla giornalista Chiara Milani, attuale candidata alla presidenza internazionale del più grande network di giovani cittadini attivi), il ricordo della tragedia nucleare. Un impegno nato dalla visita al Tempio Civico e alla città effettuata nel 2008 da Kentaro Harada, nel 2011 presidente internazionale della JCI, originario della Prefettura di Hiroshima.
Questa collaborazione ha portato a molteplici iniziative, tra cui seminari per l’educazione degli studenti alla pace e, lo scorso autunno, l’adesione della Città di Busto Arsizio alla rete internazionale dei Mayors for Peace, un’organizzazione non governativa fondata dalle città di Hiroshima e di Nagasaki con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’abolizione totale delle armi nucleari.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.