“Consiglio comunale online? Non ci sono problemi”

Il presidente dell'assemblea civica gallaratese Marco Casillo spiega le regole stabilite dal regolamento, ma è favorevole alla proposta del Movimento 5 Stelle di trasmettere online le sedute, ma

Trasmettere le immagini del consiglio comunale online? «Per me non c’è problema, anche perché il consiglio comunale è pubblico a tutti gli effetti». A dirlo è il presidente del consiglio comunale di Gallarate, Marco Casillo: la proposta di registrare le sedute e trasmetterle online è venuta dal Movimento 5 Stelle prima dell’estate, ora i "grillini" ne hanno fatto una battaglia.

Però Casillo ricorda anche che esistono le norme sulle riprese e le registrazioni previste dal regolamento comunale, «previste all’articolo 47». L’articolo del regolamento dice che le riprese sono svolte solo dal Comune stesso o dalle testate giornalistiche registrate e, al comma due, specifica che "è tassativamente vietata ogni altra attività di registrazione, sotto forma di audio e video, delle medesime adunanze, aventi finalità di carattere privato, senza autorizzazione del Presidente". Casillo è a favore, ma ricorda anche che lo stesso comma specifica che "qualora un Consigliere si opponga a tale decisione, il Presidente del Consiglio sente il Consiglio comunale".

«Per  questo, per tutelare la richiesta del Movimento 5 Stelle, ho voluto portare la proposta in conferenza dei capigruppo», per cercare un accordo ed evitare problemi successivi. Un paio di anni fa la richiesta era stata fatta dal Movimento 5 Stelle di Busto (nella foto), ci fu qualche screzio con il presidente del consiglio di allora (Donato Lozito, che si era mosso sulla base del regolamento) e poi tutto finì in nulla per motivi non noti. E i tempi un po’ troppo lunghi segnalati dal Movimento 5 Stelle? «La loro richeista è di giugno, è stato richiesto esplicitamente al Movimento il motivo e successivamente ho ricevuto anche la loro risposta. Mercoledì c’è conferenza dei capigruppo, affronteremo anche la questione.  Per me non c’è nessun problema, non vedo quale problema ci sarebbe, anche perché il consiglio comunale è pubblico a tutti gli effetti, aperto a tutti».

A vederla oggi, la possibilità che in futuro si arrivi alla trasmissione in streaming pare abbastanza concreta. «Anzi, stiamo cercando di mandarlo diretta in streaming sul sito del Comune, si stanno valutando gli aspetti tecnici per farlo» assicura Casillo (nella foto). «Ovvio che poi c’è da augurarsi che l’uso delle immagini sia corretto e non strumentale». Tradotto: secondo qualcuno c’è il rischio che si prendano spezzoni dei filmati e li si usi in senso polemico. Il problema dell’uso delle immagini è stato sollevato in questi termini anche in altre realtà: a Cassano la proposta di registrare e trasmettere le sedute (fatta dal Pd) ha creato un po’ di discussione nelle file della maggioranza, a Ferno la Lega e Ferno Viva hanno iniziato a farlo in autonomia, ma la cosa non è piaciuta a tutti. A Busto invece si fa da qualche anno. Vedremo come va a finire e anche seguito avranno le "trasmissioni".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.