Dall’Igna: “Che fine hanno fatto le opere annunciate?”

Il consigliere del PdL chiede aggiornamenti su alcuni interventi già annunciati, in particolare sul piano piste ciclabili e sulle convenzioni per la cura delle scuole e del verde pubblico

«Si annunciano convenzioni con le scuole e nuovi progetti, ma poi non si sa a che punto sono». Il consigliere comunale del PdL Germano Dall’Igna vorrebbe «tempi precisi» per alcuni interventi già annunciati in passato dalla maggioranza.
Quali sono le richieste di Dall’Igna? Si parte da due interventi attesi, due aspetti che il centrosinistra ha annunciato di voler curare particolarmente: «A che punto siamo con il tanto declamato progetto delle piste ciclabili, letto più volte come in itinere, e del quale nessun contributo è stato chiesto alla minoranza e nulla si sa?» chiede il consigliere del PdL, riprendendo una richiesta che – a dire il vero – rimbalza di tanto in tanto anche sulle pagine Facebook dedicate alla città di Gallarate.

Altro fronte, quello delle convenzioni "dal basso": «A che punto siamo con il progetto/convenzione per la collaborazione dei cittadini per la manutenzione degli edifici scolastici e del verde? Per entrambe i due progetti servono professionalità non è semplice». Quest’ultima sollecitazione arriva anche perché su Facebook attraverso la pagina dell’Assessorato Partecipazione Democratica si è iniziato a parlare anche di una possibile nuova convenzione per affidare la "cura" del verde pubblico, una operazione del genere "adotta una aiuola", sperimentato anche in altre realtà. «A prescindere che in via Forni angolo via Torino – Arnate già un’aiuola pubblica è adibita a giardinetto ortofrutticolo. Anche di questo vorremmo saperne di più prima».

Altri punti su cui il consigliere chiede lumi sono viale Milano («mai visto il progetto») e sul futuro ponte di via Liberazione, il cimitero di Arnate. «Mi sembra doveroso porsi delle domande sperando, nel mio ruolo di minoranza di avere delle risposte, alcune a breve termine ed altre successivamente dall’attuale maggioranza. Spero si possa invertire l’attuale procedere della maggioranza dove le informazioni si possono leggere solo sulla stampa mentre le commissioni consigliari risultano essere svuotate da ogni contenuto tranne quando vi è l’obbligo del passaggio in consiglio comunale».

Ultimo punto, il PGT: «Anche per il PGT – conclude Dall’Igna – siamo in attesa di una scaletta dei vari passaggi amministrativi alla quale l’A.C. darà la più ampia pubblicità e informazione, dovuti proprio al procedimento di variante».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.