Dopo il colpo, l’inseguimento a 200 all’ora in A-8

Tre malviventi rubano due Giuliette e si allontanano da Calcinate. Le volanti li intercettano e recuperano una delle vetture rubate

giulietta polizia agosto 2012È stata una notte sul filo del contachilometri quella vissuta dalle volanti del commissariato di Varese che dalle 3.15 alle 4 hanno ingaggiato un inseguimento sull’Autolaghi degno di un film d’azione. Tutto a causa di un furto di due Alfa Romeo avvenuto alla agenzia Europcar, ditta varesina di Calcinate del Pesce. Alla fine la capacità di guida degli agenti e il loro sangue freddo ha dato i suoi frutti: uno dei due veicoli rubati è stato recuperato.
Siamo nel cuore della notte in via Duca degli Abruzzi nella frazione di Varese che si trova lungo la Sp1 che costeggia il lago e porta a Gavirate. Stradone lungo, notte tranquilla: pochi i veicoli in giro al 7 di agosto.
Tre persone arrivano, forse a bordo di una Porsche scura, nei pressi della carrozzeria-salone: scavalcano, forzano l’ingresso e arrivano al quadro delle chiavi. Scelgono due Giulietta Alfa Romeo: aprono le vetture e dopo aver manomesso il motorino del cancello guadagnano l’uscita. Tutto a posto, colpo perfetto se non fosse per il figlio del titolare, che li sente vociare. Accento dell’est, dice alla polizia, che viene subito avvisata per telefono. Dalla questura partono tre volanti che in un attimo giungono sul posto: troppo tardi, i tre veicoli – due rubati e la sportiva di Stoccarda – hanno già preso il volo.
Le pantere diramano subito una comunicazione radio alle altre pattuglie presenti sul territorio e cominciano a muoversi a velocità sostenuta verso sud, verso l’autostrada. Ed è lì, infatti che una macchina della Stradale viene superata a fortissima velocità dalle tre auto, la descrizione corrisponde: sono loro, i ladri di Calcinate. Parte l’inseguimento: alla solitaria pattuglia della Stradale si accodano le altre volanti. Nel frattempo le due auto rubate e la Porsche forzano la barriera di Gallarate e prendono per Como. Ma qui i malviventi sono furbi: l’ultima auto del gruppo, una Giulietta blu, imbocca l’uscita per Origgio: la volante inseguitrice la tallona. L’auto verrà trovata fuori dalla ditta Ilva di Saronno. Dell’autista nessuna traccia, se non un paio di guanti lasciati su un muretto, e alcuni cacciavite nel veicolo rubato e recuperato. Forse è scappato nel perimetro dell’azienda, forse i complici lo recuperano poco distante: particolari per il momento ignoti. Nel frattempo le altre due auto prendono il volo, forse alla volta di Como.
giulietta polizia agosto 2012L’operazione delle Volanti è stata compiuta senza sparare un colpo, e senza speronamenti: il 50% del bottino è stato recuperato. Le indagini ora continuano per verificare una serie di elementi utili agli investigatori: la targa della Porsche, per esempio; le immagini delle telecamere che potrebbero aver ripreso il trio in azione e durante la fuga: particolari importanti, come gli elementi di indagine lasciati sui guanti, sugli attrezzi e nell’Alfa rubata.
I veicoli bottino del furto sono di proprietà di una società romana dalla quale l’azienda varesina li ha presi in affitto per a sua volta noleggiarli; macchine praticamente nuove.

Galleria fotografica

Ladri di Giuliette 4 di 5
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 agosto 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Ladri di Giuliette 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.