Dopo la frana, Patricia trova una nuova casa

Il suo sogno era aprire una fattoria didattica con cavalli, ma l'enorme frana sul Ticino si è mangiata i prati e la casa è inagibile. Ora ha un nuovo progetto a Bergamo, ma le difficoltà si sono moltiplicate

«Rischiavo di rimanere per strada con la mia famiglia, ora ho una nuova casa. Ma il progetto della fattoria didattica è annegato». Patricia voleva aprire una fattoria didattica con cavalli, per i bambini, ma il suo sogno è stato inghiottito e scivolato a valle a causa della frana di Somma. Se la storia della famiglia Rovelli che ha visto scomparire la sua villa ha toccato molti, poco si è parlato dell’altra famiglia coinvolta, quella di Patricia Puetgens, appunto: da Bergamo doveva trasferirsi a Somma proprio quest’estate, la frana ha sconvolto tutti i progetti di vita (nella foto si vede la fattoria sull’orlo del baratro). «Avevo inscritto le bambine alle scuole di somma Lombardo e avevo un posto alla scuola materna di Maddalena. Adesso non hanno più posti liberi qui a Bergamo e se non trovo posto per mio figlio non posso tornare a scuola che mi crea un altro problema» spiega Patricia, che fa l’insegnante. Per la fattoria aveva già speso seimila euro, lavori fatti sulla cascina e lavri agricoli sui prati seminati. Li riavrà indietro, un giorno?

Tutti gli articoli sulla frana di Somma Lombardo

Nel frattempo Patricia non si è data per vinta e ha pensato ad un nuovo progetto, con una nuova cascina a Brusaporto, a due passi da Bergamo: si chiama Acalina, un centro polivalente rivolto soprattutto ai bambini, con lezioni di tedesco e doposcuola. «Ho dovuto accettare tante cose perché rischiavo di rimanere per strada con la mia famiglia. Il progetto della fattoria didattica è annegato: qui non ho la possibilità di portare i cavalli a casa». Vedere il crollo della villa della famiglia Rovelli è stato uno shock, l’ha visto in tv e su VareseNews. Quel pratone affacciato sulla valle del Ticino, la vista che si apriva verso le montagne erano il suo sogno ormai finito per sempre, anche se rimarrà nell’anima. «Faccio un trasloco ma solo perché devo, ma il mio animo è rimasto a Somma Lombardo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.