E su Facebook si discute di pista ciclabile

Anche il popolo dei social network s'interessa al rifacimento di viale Milano. E si divide sull'idea di proporre una ciclabile sulla via, oggi regno incontrastato di auto e camion

In viale Milano si rifà l’asfalto e si progetta l’inserimento di un nuovo divisore di corsie fatto con guardrail in legno: «Sarà la volta buona per limitare la circolazione ad una corsia ed inserire una pista ciclabile?». È da questo domanda che sulla pagina Facebook Bacheca Civica Gallarate si è aperto il dibattito sull’idea di inserire uno spazio per le bici sul viale, che di fatto oggi è quasi off-limits per ciclisti e pedoni, visto che le corsie di marcia sono strette e il divisore intermedio (fino ad oggi, i new jersey in plastica) limitano gli spazi di manovra dei veicoli. La proposta ha suscitato dibattito, soprattutto quando si è ipotizzato un intervento anche sul tratto a doppia corsia per senso di marcia (dalla chiesa di Madonna in Campagna verso il centro): per alcuni è impensabile rinunciare ad una corsia, anche se si riconosce che spessissimo la strada è ingombra di auto parcheggiate, che di fatto riducono ad una sola corsia il viale, soprattutto in direzione centro (nella foto), soprattutto in ore serali.

Dal canto suo, l’amministrazione comunale aveva spiegato che il piano per le piste ciclabili – ancora da presentare – ipotizzava l’uso di via Pacinotti come "strada ciclabile" a basso traffico per i ciclisti, alternativa al viale nel tratto tra il Commissariato di Polizia e la chiesa di Madonna in Campagna. La proposta di una ciclabile sarà discussa, quando si esaminerà il progetto della rete per le biciclette?

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.