“Fuori dall’ostello gli altri pellegrini attendevano la mia partenza”

Pietro Scidurlo è sul Cammino di Santiago in handbike. Intorno a lui c'è una comunità di sostenitori, non solo sulla strada: il suo blog è già a 10mila visite, oggi sarà anche in collegamento radio

La sfida di Pietro Scidurlo sta conquistando anche i pellegrini in marcia sul Cammino di Santiago: «Stamattina siam partiti di buon ora da Villaba, e sorprendentemente molti pellegrini con cui mi son intrattenuto ieri, stamattina attendevano la mia partenza. Non ci credevo… ma molti mi aspettavano appena fuori dall’uscio un po’ incuriositi dalla mia bici, un po’ da me». Pietro l’ha scritto martedì sera sul suo blog, dove racconta le esperienze del Cammino (connessione permettendo, visto che alcuni ostelli sembrano davvero fuori dal mondo).
Il racconto del trentenne sommese – in sedia a rotelle dalla nascita – sta conquistando molti, tra esperienza del Cammino e la sfida personale di un viaggio su strade difficili per chi vive una situazione particolare. Tra le varie sfide, quelle dell’alloggio: «Dovevamo dormire a Navarrete – scriveva ancora Pietro martedì sera –  ed è li che siam arrivati con la lingua a terra e senza un goccio d’acqua. Per scoprire tristemente che tutti gli alberghi erano pieni e l’albergo del pellegrino non era minimamente accessibile». Non potevano mancare poi le difficoltà più "classiche", come le forature delle camere d’aria delle ruote (foto a sinistra: allenamenti sulle strade di Somma, inizio agosto 2012).

Appunti di viaggio, da tenere nel bagaglio con l’obiettivo di scrivere una sorta di guida per un Cammino "accessibile". La sfida sta conquistando molti e sta valicando i confini del locale, grazie alla rete: il blog in pochi giorni ha raccolto quasi 10mila clic, su Facebook in molti condividono le foto e gli articoli, molte persone da varie parti d’Italia commentano il viaggio. Pare che un giornale locale galiziano si sia già messo sulle tracce del "pellegrino in handbike". Mercoledì sera il gruppo – che comprende anche i genitori di Pietro e l’amico Yari Zardini – era ospitato un un monastero dalle parti di Leon.

Questa mattina (giovedì 23 agosto) anche Radio Popolare di Milano (qui si ascolta in streaming) dedicherà un servizio alla sfida di Pietro, in onda intorno alle 10 del mattino.

Tutti gli articoli su Pietro Scidurlo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.