Gatti abbandonati: è la nuova emergenza

Nella nostra provincia il fenomeno del randagismo è legato soprattutto ai mici che vengono abbandonati. Almeno 11.000 i felini senza padrone

«Il reato di abbandono degli animali non è limitato ai cani. È il fenomeno più conosciuto ma non è l’unico» Eraldo Oggioni, responsabile del servizio di prevenzione veterinaria dell’Asl di Varese lancia l’ennesimo allarme: « Nel nostro territorio non esiste un fenomeno di cani abbandonati ma di gatti».

 
Dati alla mano, infatti, in provincia il problema del randagismo canino è veramente limitato: «La dimostrazione è l’elevato numero di restituzioni. Ci sono cani che gironzolano per strada ma si tratta di bestie che si sono smarrite e che, grazie ai microchip, riescono a tornare dal padrone. Molto più seria è la questione dei gatti randagi:  ci sono almeno 11.000 esemplari che vivono abbandonati a se stessi. Abbiamo  censito 700 colonie feline che presidiamo perchè ne sterilizziamo i componenti in modo tale da farle estinguere naturalmente. Eppure ciclicamente il numero di gatti in ciascuna di esse aumenta e troviamo esemplari che non sono stati operati. Si tratta in gran parte di mici i cui comportamenti dimostrano di aver vissuto in casa. Il fatto è che non si è al corrente dei rischi che si corrono. Abbandonare un animale è un reato penale, sia esso un cane, un gatto o una tartaruga d’acqua». Non esistono periodi dove il fenomeno è più evidente, come un tempo con i cani lasciati per strada al momento di partire per le ferie, in estate, comunque, si assiste a una leggera impennata dei componenti di queste colonie feline. 
 
La presenza dei felini sta diventando la vera emergenza: risolto il fenomeno dell’abbandono dei cani, per i tecnici veterinari dell’Asl si apre un nuovo e complicato capitolo che richiede misure altrettanto drastiche. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.